Otto milioni di italiani con attacchi di panico

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Otto milioni di italiani con attacchi di panico

Messaggiodi Dr.Ascani il ven mar 26, 2010 9:29 am

Ansia, tachicardia, respiro mozzato, l'incapacità di fare le cose più semplici, dal guidare al fare la spesa.

Sono otto milioni gli italiani che soffrono di attacchi di panico, in pratica un italiano su sette. Un esercito silenzioso e sofferente che spesso non trova la forza di confidarsi, di farsi aiutare da un esperto, di curarsi. Di una malattia spesso taciuta, e che colpisce le donne quanto gli uomini (tra i quali è in netto aumento, persino tra i manager) parla il libro 'Gli attacchi di panico. Clinica, ricerca e terapia' (Liguori editore) scritto dalla psicologa Paola Vinciguerra, presidente dell'EURODAP (Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico) e direttore del Centro U.I.A.P. (Unità italiana attacchi di panico) insieme alla giornalista di Sky Tonia Cartolano.

Il disturbo si manifesta generalmente tra i 15 e i 35 anni, con una seconda punta d'insorgenza tra i 44 e i 55; diffuso in misura maggiore nella popolazione femminile, è in aumento tra gli uomini, soprattutto professionisti e manager.

Un male dei nostri tempi: secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, ricorda la psicologa, entro il 2020 sarà la seconda patologia più diffusa al mondo dopo i disturbi cardiovascolari. Eppure il disturbo da attacchi di panico (DAP) è ancora visto con pregiudizio, quando non con vera e propria ignoranza anche da parte della classe medica: un malato in media arriva a contattare anche dieci specialisti prima di riuscire ad avere una diagnosi, e solo una persona su quattro riceve il trattamento di cui ha bisogno.

Non a caso un capitolo del libro è dedicato alle fobie partendo dai racconti di chi ne ha realmente sofferto così da permettere al lettore di capire e riconoscere questo tipo di disturbo. Inoltre è stata trattata l'ansia, con particolare attenzione ai due fenomeni che maggiormente affliggono i giovani: l'ansia da prestazione e quella da esame.

Per entrambe spesso non si riesce a trovare un adeguato interlocutore neanche tra i pari e, seppur vissute come invalidanti, difficilmente vengono sottoposte a uno specialista. Un capitolo del volume non poteva non essere dedicato a chi quotidianamente, con amore e apprensione, divide la propria vita con un malato di DAP: la famiglia.

"Avere in casa una persona sofferente di attacchi di panico - spiega la Vinciguerra - può voler dire non potersi recare mai al cinema insieme, o al ristorante, talvolta non si possono fare vacanze, o prendere l'aereo, a volte neanche imboccare un'autostrada. E vicino a queste persone, talvolta proprio più amate perchè piu' fragili, fondamentale dovrà essere l'apporto discreto ma costante dei familiari. Spingere ad affrontare, ma mai costringere; e poi lavorare insieme, perchè il DAP è una malattia che va curata con la collaborazione di più attori".

A introdurre il libro, la testimonianza diretta del cantante Max Pezzali, la cui moglie Martina ha sofferto per anni di questo disturbo. Liberarsi del panico, scrive Pezzali, "è un percorso lungo e complesso. Ora però Martina ha ricominciato ad andare al supermercato, ad accompagnare la figlia a scuola. E' ritornata alla guida. Alla guida della sua vita".

Fonte:
http://news.paginemediche.it/it/230/ult ... aspx?c1=80
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron