Ciste all'utero e Allergia

Forum dedicato all'Omeopatia con possbilità di ricevere consulti medici sulla Medicina Omeopatica. Risponde il Dott. Tancredi Ascani, medico omeopata unicista.

Ciste all'utero e Allergia

Messaggiodi Giselda il gio apr 23, 2015 2:03 pm

Buonasera, Dottore,
Ho 25 anni. Mi trovo in una situazione di malessere, prolungata dal fatto che la ho sottovalutata per molto tempo. Da circa due anni ho una dismenorrea secondaria e in base a una recente ecografia è stata riscontrata una ciste all'endometrio uterino di 2 centimetri (per la quale vorrebbero procedere con una menopausa indotta). Parallelamente da circa un anno ho una leggera febbriciattola quasi costante di 37.2 (normalmente avrei 36.5 quindi a mala pena febbriciattola), forte tosse, starnuti, muco abbondante e a volte dispnea notturna. Dalle analisi è risultato il valore degli anticorpi antimicoplasma molto alto, normali ige e igg e eosinofili. Un prick test (fatto con un solo aghino per tutti i campioni) è risultato positivo a parietaria e acari. La diagnosi è stata polmonite atipica autoguarita l'anno passato e allergia ai suddetti allergeni. Comunque prescritto un ciclo di antibiotico (zitromax) di 6 gg che ho già effettuato ottenendo un beneficio momentaneo ma seguito da un progressivo ripresentarsi dei sintomi; e i vaccini per le allergie.

Che fare? Non avevo mai sofferto di nulla, tranne rarissime influenze nel corso della vita, e non capisco questa convergenza di due problemi quasi contemporanei. Che ne pensa? è preferibile l'approccio della medicina tradizionale e in particolare quello descrittole? Andrebbe coadiuvato da un approccio omeopatico e di che tipo? O invece è preferibile il solo approccio omeopatico?
Possono essere due disturbi correlati?
Grazie anticipatamente e complimenti per l'efficienza di forum e sito.
Cordiali Saluti,
Giselda
Giselda
 
Messaggi: 1
Iscritto il: mar apr 21, 2015 9:00 pm

Re: Ciste all'utero e Allergia

Messaggiodi Dr.Ascani il gio apr 23, 2015 3:04 pm

Salve, l'organismo non va a compartimenti stagni e soprattutto nel caso di disturbi cronicizzati è quasi sempre tutto collegato, all'aspetto psicologico in primis. Io le consiglio la sola terapia omeopatica facendosi seguire da un omeopata unicista esperto e sono convinto che avrà risultati molto migliori di quelli ottenuti fin'ora.

Cordiali saluti
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3812
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm


Torna a Forum Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron