LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Forum dedicato all'Omeopatia con possbilità di ricevere consulti medici sulla Medicina Omeopatica. Risponde il Dott. Tancredi Ascani, medico omeopata unicista.

LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mer set 16, 2009 2:02 am

Queste le conclusioni di un recentissimo studio (19/05/2009) pubblicato sul British Medical Journal in cui gli autori sono arrivati alla seguente conclusione:

"Guidelines on the use of blood
pressure lowering drugs can be simplified so that drugs
are offered to people with all levels of blood pressure. Our
results indicate the importance of lowering blood
pressure in everyone over a certain age, rather than
measuring it in everyone and treating it in some
".

Fonte:
BMJ 2009;338;b1665;
http://www.bmj.com/cgi/content/abstract ... 19_1/b1665


Traduzione:
gli autori sono convinti che i loro risultati siano più che sufficienti per consigliare A TUTTI, oltre i 55-60 anni, indipendentemente dalle loro condizioni di forma o di salute, di prendere comunque una, o meglio tre, pillole per la pressione, senza neppure misurarla prima perchè ridurre la pressione comunque paga in termini di rischio cardiovascolare, non solo indipendentemente dal farmaco usato ma anche dalla presenza di una preesistente patologia cardiovascolare e dai livelli pressori di partenza.
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il sab dic 12, 2009 10:06 am

Sorelle si fanno rimuovere lo stomaco per evitare il cancro

Sisters Get Stomachs Removed to Avoid Cancer

Two sisters from the U.K. have had their stomachs removed in an effort to avoid the cancer that has ravaged their family.

Meeta Singh, 25, and her sister, Ravindra, 29, both carry a rare hereditary gene, which gives them an 80 percent chance of developing gastric cancer.

They have seen the disease claim the lives of their father, two uncles, grandmother and 20-year-old cousin.

Their mutant E-cadherin gene affects just 100 families in the world, but is described by doctors as "dangerous" and responsible for a "particularly nasty" cancer.

After tests in April 2008 showed that the sisters both carried the gene, Ravindra, a recruitment consultant from Manchester, decided to have her stomach removed as a precaution.

Doctors performed a gastrectomy at Leeds' Nuffield Hospital in June this year, having discovered in the pre-op tests that she had early stage gastric cancer.

Meeta, who is studying for a master's degree in forensic psychology, also decided to have her stomach removed as a precaution — despite tests showing she has not yet developed cancer.

On Monday, surgeons at St. James's Teaching Hospital in Leeds removed her stomach, before reconnecting her esophagus directly to her small intestine.

Meeta, who lives with her mother Kamaljit in Birkenhead, near Liverpool, said losing her stomach was a ''small price to pay" for staying healthy.

"I was more focused on my sister, but then as soon as she was OK, it dawned on me that I could be next," she said.

"I was quite reluctant at first but I decided I would rather have the surgery as a precautionary measure rather than when I have cancer. It's definitely worthwhile because you can't really put a price on your life."

Having undergone their operations the sisters can only eat tiny amounts of food supplemented by vitamins and are expected to lose 20 percent of their body weight.

However, doctors say it is possible to live an entirely normal life without a stomach because it is used primarily for food storage and is not essential for digestion.

Fonte:
http://www.foxnews.com/story/0,2933,579 ... 0000:b0:z5
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Jey il dom dic 13, 2009 12:59 pm

Posso intromettermi in tale thread?
Sempre più mi documento dia sui vacini che sulle medicine, e di conseguenza sulle cure naturali, quali appunto Omeopatia, alimentazione etc etc.

Per quanto concerne le medicine che regolano la presione arteriosa c'è da dire che da studi effettuati non si è certi che la presisone elevata sia veramente causa di infarti ed ictus, ci sono persone che hanno una pressione elevata per anni eppure non succede nulla, sono gli sbalzi pressori che mettono in pericolo organi e la stessa vita dell'uomo.

Le medicine per l'ipertensione a lungo andare provocano danni allo stomaco, tanto da far venire anche malattie gravi, senza considerare che il corpo a lungo andare si asuefa al rimedio ed è quindi necessario o aumentare le dosi, o cambiare medicina, o addirittura aggiungere un altra medicina.

Oramai credo che ci siano ricerche su ricerche che testimoniano, come l'omeopatia ed un corretto stile di vita possa prevenire e curare malattie che ci siamo autoimposti.

La domanda che sorge spontanea, noi siaom diverrsi dagli animali solo perchè abbiamo una coscienza ed il dono della parola.
Ma allora visto che siamo così simili a loro, perchè gli animali non soffronno di ipertensione? Non muoiono di infarto? non sono colpiti da certe malattie? O almeno se tutto ciò avviene sono casi veramente rari? senza considerare che purtroppo facciamo in modo che i nostri animali domestici vivano in un modo simile al nostro? (alimentazione e stess ambientale)

Cordiali saluti
Jey
 
Messaggi: 36
Iscritto il: mar giu 23, 2009 7:28 am

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il lun dic 14, 2009 12:26 am

A questo interessante quesito non credo che nessuno possa rispondere in maniera certa, si possono solo fare ipotesi e invito tutti gli utenti ad esprimere il proprio pensiero.
A mio giudizio noi ci ammaliamo di malattie neurodegenerative e autoimmuni con maggior frequenza rispetto agli animali perchè ci siamo allontanati più di loro dalla natura sia nei pensieri che nei comportamenti. L'inquinamento ambientale e l'abuso di farmaci in tutto questo, giocano sicuramente un ruolo di responsabilità importante.

Saluti
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mar dic 15, 2009 4:34 pm

2012, primo vaccino anti-sigaretta
In sperimentazione sui fumatori incalliti, terminera' nel 2011

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dire addio alle bionde grazie ad un vaccino.Il traguardo appare ormai prossimo;il primo vaccino anti-nicotina,arrivera' sul mercato nel 2012.

Ad annunciarlo e' l'azienda produttrice, la Glaxosmithkline. A ottobre 2009 sono stati infatti avviati due studi di fase 3 (ovvero la fase finale di sperimentazione sull'uomo), che interessano rispettivamente 1600 pazienti tra i 18 e i 65 anni, fumatori di almeno 10 sigarette al giorno.Si prevede che lo studio di fase finale sara' completato entro il 2011.

Fonte:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 97807.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Botox cancella rughe ma anche emozioni negative

Messaggiodi Dr.Ascani il dom feb 21, 2010 10:20 am

ROMA - Il botulino non cancella solo le rughe dal viso ma anche l'espressione visiva di emozioni negative come la tristezza e la rabbia a causa del suo effetto 'anti-contrazione' dei muscoli facciali. Ma c'é di più: cancella pure la capacità di comprendere le 'emozioni no' altrui. E' come se, infatti, l'incapacità del proprio viso di esprimere tali emozioni ponesse un blocco alla comprensione di quelle 'in ingresso' manifestate da altri.

E' quanto dimostrato in uno studio in pubblicazione sulla rivista Psychological Science, anticipato al meeting della Society for Personal and Social Psychology a Las Vegas. Condotto da psicologi della University of Wisconsin, il lavoro conferma l'ipotesi della 'retroazione facciale', cioé del fatto che se quando siamo felici ridiamo, il solo fatto di ridere ci renderà ancora più felici. Al contrario, quindi, se non siamo in grado di esprimere emozioni negative, diveniamo anche meno capaci di capirle.

Fonte:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 39590.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mer mar 10, 2010 11:49 pm

Arriva il farmaco contro l'eiaculazione precoce

Da oggi chi soffre di eiaculazione precoce (secondo gli esperti, almeno un italiano su cinque) dispone di un'arma in più: è disponibile nelle farmacie il primo farmaco 'on demand'.

E' la Dapoxetina, un medicinale che appartiene alla classe farmacoterapeutica "altri urologici". Indicato per gli uomini di età compresa tra i 18 e i 64 anni, Dapoxetina è rapidamente assorbito ed eliminato dall'organismo (emivita di circa 1,4 ore) e va assunto 1-3 ore prima del rapporto sessuale.

Inoltre, la confezione appositamente studiata per Dapoxetina permette di verificarne l'autenticità: sul sito http://www.priligyoriginale.it è possibile appurare se il farmaco acquistato sia originale controllando il numero seriale di 12 cifre, unico per ogni confezione.

"In una condizione medica come l'eiaculazione precoce", afferma il professor Vincenzo Mirone, presidente della Società italiana di Urologia (SIU), "in cui il problema della mancanza di controllo coinvolge circa il 72% degli uomini, l'effetto più importante di Dapoxetina è la capacità, dimostrata negli studi clinici, di aumentare il senso di controllo sull'eiaculazione nell'uomo, migliorando conseguentemente la sua soddisfazione sessuale e quindi quello della partner".

"Dapoxetina agisce su tutte le componenti dell'EP migliorando quindi il controllo sull'eiaculazione, incrementando il tempo di latenza eiaculatoria, riducendo la frustrazione e aumentando la soddisfazione dei rapporti sessuali sia nell'uomo sia nella partner".

Aggiunge il professor Vincenzo Gentile, presidente della Società italiana di Andrologia (SIA): "Fino a ieri le persone interessate da questa condizione, cioè circa un quinto degli italiani adulti di sesso maschile, non aveva quasi altra scelta che gestire (il più delle volte in silenzio), il proprio disagio".

"Oggi, con l'approvazione del nuovo farmaco arrivata dalle autorità regolatorie europee e italiane, è finalmente accessibile un trattamento farmacologico significativamente efficace per la cura dell'eiaculazione precoce, che permette di ridare confidenza al paziente sulle possibilità di vivere una vita sessuale soddisfacente. Di ciò ne ha sicuramente beneficio anche la partner".

Fonte:
paginemediche.it
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mer apr 07, 2010 9:49 am

Idea per pillola antiobesita' 'sicura'
Esperti di Bologna, agire su recettori dei cannabinoidi

(ANSA) - BOLOGNA, 6 APR - Viene dall'Universita' di Bologna il segreto per creare un farmaco anti-obesita' privo di effetti collaterali. Gli esperti - coordinati da Uberto Pagotto - hanno verificato che nei topi, spegnendo i recettori dei cannabinoidi CB1 (il bersaglio di farmaci anoressizzanti come 'Rimonabant' ritirato dal commercio nel 2008) solo negli organi periferici, il dimagrimento avviene ugualmente ma senza effetti collaterali.

La ricerca e' pubblicata su 'Cell metabolism'.

Fonte:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 61197.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mer apr 14, 2010 3:57 pm

Arriva il viagra rosa
Scoperto il segreto dell'eccitazione femminile

(ANSA) - ROMA, 13 APR - Scoperto il segreto dell'eccitazione sessuale delle donne e una molecola per scatenarla, e arriva il farmaco sperimentale 'UK-414,495'.Si apre cosi' la via verso il 'viagra rosa'. Il 'segreto' e' una molecola che, attivata dalla stimolazione del nervo pelvico, aumenta l'afflusso di sangue ai genitali femminili e determina il 'risveglio' di lei.Lo studio e' stato condotto da Chris Wayman presso i laboratori della Pfizer.La UK-414,495, concludono gli esperti, e' solo un prototipo.


Fonte:
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche ... 16404.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Il gene dell'infedeltà

Messaggiodi Dr.Ascani il gio apr 15, 2010 9:24 pm

Uomini infedeli? Tutta colpa di un gene
Ricerca svedese scopre il rapporto fra Dna e relazioni extraconiugali. Gli esperimenti fatti sui roditori confermano. E la medicina immagina una cura

LONDRA - Sembra la scusa perfetta per il marito colto in flagrante: "Scusa, tesoro, ma sono nato così, non è mica colpa mia". Scienziati svedesi hanno infatti scoperto il gene dell'infedeltà: una specie di motorino che alcuni maschi hanno nel proprio Dna e altri no. Non è uno scherzo, e gli studiosi sono i primi ad ammettere che le relazioni extra-coniugali derivano da innumerevoli circostanze: quello genetico può essere soltanto un aspetto della molla che scatena il tradimento. Ma è comunque la prima volta che una ricerca individua un legame simile tra come sono fatti gli uomini e come interagiscono con le donne. Non solo: la scoperta include pure la possibilità di "curare" il gene malandrino, modificandolo in modo da bloccare il suo effetto, teoricamente al fine di salvare, o meglio proteggere, le unioni matrimoniali. La "medicina" che trasforma un seduttore impenitente nel compagno più fedele e monogamo, per adesso provata soltanto su topolini di laboratorio, ha dato risultati immediati: chissà se un giorno verrà somministrata anche ai playboy umani, e in che modo verranno eventualmente convinti a fare la cura.

La scoperta è opera di scienziati dell'Istituto Karolinska di Stoccolma, che l'hanno illustrata su un'autorevole rivista scientifica britannica, Proceedings of the National Academy of Sciences. Ieri è finita in prima pagina sul Daily Telegraph e sul Times di Londra col titolo: "Il gene che rende più probabile il divorzio". Il gene in questione agisce sulla vasopressina, un ormone di cruciale importanza nel processo di attaccamento sentimentale e sessuale tra un uomo e una donna. Esaminando un campione di oltre duemila persone, i ricercatori svedesi hanno verificato che gli uomini in possesso del gene restano più spesso scapoli oppure hanno una maggiore probabilità di avere relazioni extraconiugali, problemi matrimoniali e di divorziare, rispetto agli uomini che non ce l'hanno. Le mogli di uomini in possesso del gene, inoltre, sono mediamente meno soddisfatte del proprio matrimonio rispetto alle mogli di uomini che non hanno il gene in questione.

Gli uomini con due copie del gene hanno avuto due volte più crisi matrimoniali nell'ultimo anno rispetto agli uomini senza il gene. "Naturalmente ci sono molte ragioni per cui una persona ha una relazione extramatrimoniale", osserva il professor Hasse Walum, autore del rapporto, "ma è la prima volta che una variante genetica viene associata al modo in cui gli uomini si legano a una donna". Studi compiuti due anni fa al St. Thomas Hospital di Londra, d'altronde, suggeriscono che anche l'infedeltà femminile ha una percentuale di base genetica.

Gli effetti del gene sono stati sperimentati su due tipi di piccoli roditori della famiglia dei criceti. L'arvicola della prateria è estremamente monogama: quando il maschio incontra una femmina, si accoppiano ininterrottamente per 36 ore, creando un legame che dura per tutta la vita e anche oltre, tant'è che quando uno dei due muore, l'altro sceglie di restare celibe anziché formare una nuova coppia. L'arvicola comune, viceversa, è estremamente promiscua. Gli scienziati hanno scoperto che il cervello dell'arvicola della prateria maschio ha una dose di vasopressina molto più alta dell'arvicola comune. Ebbene, intervenendo sul gene "dell'infedeltà", in modo da aumentare considerevolmente il livello di vasopressina, i ricercatori hanno assistito a uno stupefacente mutamento: il criceto che amava la promiscuità è diventato di colpo uno sposo mite e devoto. Nessuno ha potuto chiedergli, tuttavia, se è più felice di prima; e nemmeno alla moglie se è davvero contenta, ad avere un compagno finalmente fedele, non perché così lui vuole, ma grazie all'equivalente di una pillolina.

Fonte:
http://www.repubblica.it/2008/09/sezion ... delta.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3776
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Prossimo

Torna a Forum Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron