LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Forum dedicato all'Omeopatia con possbilità di ricevere consulti medici sulla Medicina Omeopatica. Risponde il Dott. Tancredi Ascani, medico omeopata unicista.

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mar apr 05, 2016 1:56 pm

Oggi a "La radio ne parla del 05/04/2016" si parlava di vaccinazioni e meningite in Toscana. Questo il messaggio che ho inviato che è stato letto dalla conduttrice (al minuto 25,30: http://www.laradioneparla.rai.it/dl/por ... ac7f1.html ) e a cui ovviamente nessuno ha risposto, tutti così impegnati (tranne il dr. Serravalle) a incitare alla vaccinazione:

"quella della Toscana è un falso allarme alimentato dai media. Secondo l'OMS si parla di epidemia quando vi sono più di 100 casi di meningite per 100 mila abitanti in un anno. In toscana l'incidenza nel 2015 è stata solo dello 0,83. Ma di che stiamo parlando? E perchè non dite che state usando un test molecolare che diagnostica fino a 2/3 di casi in più di meningite? In altri Paesi europei con incidenze ben superiori non c'è nessun allarmismo e nessuna rincorsa folle al vaccino".


Ps: da notare il repentino cambio di tono del virologo che appena un cittadino gli fa notare di far chiarezza (minuto 37,20) che questi allarmismi stanno provocando cancellazioni delle prenotazioni da parte degli stranieri con gravi danni al turismo allora cambia rotta e inizia subito a sdrammatizzare che possiamo star tranquilli, che la diffusione della malattia è limitata ecc... molto chiaro e convincente, complimenti!

Fonte:
Sono intervenuti: il dott. Giovanni Rezza (Istituto Superiore di Sanità), il dott. Giovanni Corsello (Presidente Società Italiana Pediatria), il dott. Eugenio Serravalle (Presidente ASSIS, associazione di studi e informazione sulla salute), Stefania Saccardi, (assessore alla salute della Regione Toscana), Stefano Mugnai (Vicepresidente Commissione Sanità Toscana), Fabrizio Boron (Pres. Commissione salute Consiglio regionale Veneto).
Intervista con Corinna Verniani (mamma di bambina affetta da deficit immunitario)

http://www.laradioneparla.rai.it/dl/por ... ac7f1.html
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il dom mag 01, 2016 7:54 am

Un'unica pillola che cura tutte le malattie. La scoperta che rivoluziona nella medicina

Una svolta storica. Una ricerca che sa di rivoluzione. Un'unica pillola che sconfigge tutte le infezioni virali. La particolarità di questo farmaco è quella di colpire la proteina che permette ai virus di moltiplicarsi. Il farmaco è l'obiettivo di uno studio dell'Università di Siena e del Cnr. La ricerca, diretta dal professor Maurizio Botta del dipartimento di Biotecnologie, chimica e farmacia dell'Università di Siena e dal professor Giovanni Maga dell'Istituto di Genetica Molecolare del CNR di Pavia, è appena stata pubblicata dalla rivista americana PNAS-Proceedings of the National Academy of Sciences.

Le caratteristiche - In sostanza sono state sviluppate della molecole che non vanno a colpire i classici componenti virali (quello che fanno i farmaci ora), ma inibiscono una proteina umana (la RNA elicasi DDX3) usata dai virus per replicarsi all'interno delle cellule dell'uomo. La nuova proteina sintetizzata dagli scienziati è una svolta per la medicina. Infatti, è capace di attaccare "non solo il virus HIV, ma anche virus caratterizzati da morfologia e meccanismi di replicazione differenti, come quello dell'Epatite C (HCV), della febbre Dengue (DENV), e quello del Nilo Occidentale (WNV), della stessa famiglia del virus Zika".

Niente effetti collaterali - Al momento non sono stati registrati effetti collaterali. Le analisi sui ratti svolte dal professor Maurizio Sanguinetti, dell'Università Cattolica di Roma, lo hanno dimostrato. "l potenziale di questi composti è enorme - ha evidenziato Botta - e potrebbe trovare applicazione nel trattamento dei pazienti immunodepressi che spesso sono soggetti ad altre infezioni virali, come nel caso dei pazienti HIV/HCV, ma anche contro i virus emergenti". L'obiettivo è realizzare una terapia antivirale entro pochi anni.

FONTE:
http://www.liberoquotidiano.it/news/sci ... cina-.html

RIFLESSIONI
Un simile farmaco non potrà mai esistere perché la malattia è un qualcosa di multifattoriale che non riguarda il solo virus imputato ma soprattutto il "terreno" dell'ospite cioè il suo sistema immunitario, la sua costituzione e il suo stato psicologico che reagiscono in maniera diversa a seconda delle condizioni ambientali e dello stile di vita adottato
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il sab mag 07, 2016 10:03 am

«Troppi vegetariani»: la Coldiretti in allarme per il calo delle vendite di carne.

http://www.notiziaoggi.net/pages/troppi ... -4648.html

RIFLESSIONI
Una notizia del genere sarebbe come scrivere "troppe persone si curano con l'omeopatia: allarme per il calo delle vendite dei farmaci". Come al solito contano prima i soldi che la salute delle persone.
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il sab mag 07, 2016 11:21 am

In Emilia Romagna al nido solo se vaccinati: pronta la prima legge regionale.

Immagine

<<Nella regione la copertura è scesa sotto la soglia di sicurezza. Lʼassessore regionale al Welfare: "Vogliamo affermare un principio di tutela"...
...Anche perché in Emilia Romagna, secondo gli ultimi dati, la copertura dei bambini di due anni con le vaccinazioni "obbligatorie" (antipolio, antidifterite, antitetano e antiepatite B) è scesa sotto il 95%, soglia sotto la quale virus e batteri tenuti a bada con le vaccinazioni cominciano a riprendere il sopravvento. Come è successo nel caso della bimba di 28 giorni morta di pertosse in autunno a Bologna...>>

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/ ... 602a.shtml

RIFLESSIONI
Ricordo che i vaccini attualmente raccomandati/imposti in Italia non sono in grado di prevenire in maniera soddisfacente la colonizzazione e la trasmissione dei germi (come faceva invece il vecchio vaccino antipolio di Sabin) ma prevengono perlopiù dai sintomi della malattia quindi i bambini vaccinati possono essere portatori sani dei virus e batteri per cui si vaccinano ed è evidente che un bambino vaccinato contro la pertosse può benissimo contagiare un neonato non vaccinato (o un adulto che ha perso l'immunità):

1) un vaccinato portatore sano non sa di esserlo e va in giro a diffondere virus e battersi senza che nessuno lo sappia e prenda le necessarie precauzioni (un bambino non vaccinato che si ammala invece viene tenuto in casa, isolato quindi dalla comunità e non diffonde in giro nulla);

2) l'abuso di vaccini potrebbe contribuire alla selezione di germi che possono diventare più pericolosi e quindi costituire un rischio aggiuntivo per la comunità. Prendiamo per esempio il vaccino antipertosse, visto che viene chiamato in causa nell'articolo. La vaccinazione antipertosse di massa con vaccino acellulare ha spinto i ceppi di bordetella pertussis (il batterio che provoca la pertosse) dominanti a privarsi della pertactina con diffusione dei ceppi pertactina-negativi (la pertactina è una delle molecole che compongono la cellula batterica, ed è usata dal vaccino per sviluppare l'immunità contro la malattia) che ora dominano la scena mondiale. Questi ceppi si ritrovano con maggior frequenza proprio tra i giovani vaccinati nei quali si replicano e producono la malattia. Quindi le persone vaccinate hanno maggiori probabilità di essere infette, e quindi contagiose, rispetto alle persone che non sono vaccinate e per di più con una forma atipica di batterio farmacoresistente.

Documento del CDC che descrive quanto sopra menzionato:
Immagine

Ultima considerazione:
se veramente si crede così tanto nell'efficacia del vaccino che motivo c'è di accanirsi così verso i bambini non vaccinati? Forse perché il vaccino ha un'efficacia che diminuisce già dopo 2-4 anni (secondo alcuni autori) e impedisce che si instauri un'immunità di lunga durata? Recentemente è stata segnalata un’epidemia di pertosse in California con copertura vaccinale altissima che ha colpito soprattutto soggetti vaccinati. Quale è quindi il senso di queste proposte di legge?
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il sab mag 28, 2016 6:04 pm

Per la prima volta negli Stati Uniti trovato in una donna una specie di «escherichia coli» che non reagisce neppure ai trattamenti più potenti. I primi casi già segnalati in Cina

Immagine

Per la prima volta è arrivato negli Stati Uniti un super-batterio resistente a qualsiasi tipo di antibiotici: a lanciare l’allarme gli scienziati del Dipartimento alla Difesa Usa, che hanno individuato la specie di «escherichia coli» nelle urine di una donna di 48 anni della Pennsylvania. Il dettaglio più allarmante è che l’agente patogeno in questione - spiega il rapporto pubblicato sulla rivista della Società americana di microbiologia «Antimicrobial Agents and Chemotherapy» -è resistente persino all’antibiotico di ultima generazione «colistin». La colistina infatti è considerata l’ultima spiaggia degli antibiotici e se un batterio riesce a sopravvivere anche a questa è impossibile fermarlo. Potrebbe essere, scrivono i media americani, «la fine della strada» per gli antibiotici.

«Il batterio degli incubi»

Il rapporto non rende nota la condizione della donna portatrice del batterio, ma spiega che esperti dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) stanno indagando sulle modalità in cui la paziente avrebbe contratto il micro-organismo. Tra le possibilità anche quella di una ospedalizzazione. Gli esperti del Cdc stanno lavorando con le autorità della Pennsylvania intervistando la paziente (che, secondo il New York Times starebbe bene) e i familiari per capire come la donna possa essere stata colpita dal batterio e identificare ulteriori contagiati. Questo particolare agente patogeno è stato definito dagli esperti «il batterio degli incubi», che in alcuni casi può arrivare ad uccidere il 50% delle persone che ne vengono contagiate. La scoperta - scrivono gli autori dello studio «preannuncia la comparsa di un batterio davvero resistente ai farmaci». Anche perché il Dna del «Super batterio», con il gene Mcr-1, può diffondersi rapidamente tra le specie. Secondo Thomas Frieden, direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie degli Usa: «La preoccupazione è alta. Possiamo dire che già oggi per alcuni pazienti l’armadietto dei medicinali è vuoto. Può essere la fine per gli antibiotici, se non agiamo con urgenza».

Il primo allarme in Cina

Nel novembre scorso, la preoccupazione degli scienziati mondiali era scattata quando ricercatori cinesi ed inglesi avevano trovato batteri della razza resistente a «colistin» in maiali ed in alcune persone in Cina. La razza letale di escherichia coli - spiegano i media Usa - è stata successivamente individuata in altre zone dell’Europa. La scoperta anche in Usa, «ci sta mostrando che la strada di impiego degli antibiotici può essere arrivata quasi alla fine - ha detto oggi in una intervista ai media Usa, Thomas Friedman, direttore dei Cdc - una situazione in cui non abbiamo nulla da offrire a pazienti in reparti intensivi o con semplici infezioni urinarie». Per Gianni Rezza, direttore del dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di Sanità in caso della donna americana «non è una novità assoluta, ma il caso deve essere trattato con le dovute cautele e di certo la notizia desta una certa preoccupazione».

Il Report inglese: 10 milioni di morti entro il 2050

Del resto il tema della resistenza agli antibiotici è dibattuto da tempo e gli allarmi si sono susseguiti negli anni, diventando sempre più pressanti. È di pochi giorni fa l’allarme lanciato nel Regno Unito con un report del servizio sanitario britannico, secondo cui, se non cambierà velocemente qualcosa, entro il 2050 ci saranno 10 milioni di vittime ogni anno a causa della resistenza dei batteri agli antibiotici.

Cosa succede in Italia

La situazione sul fenomeno della resistenza agli antibiotici è molto seria anche in Italia che, a causa dell’abuso di antibiotici e al loro uso sbagliato, si trova al di sopra della media europea per la presenza dei «super batteri». In un terzo dei casi di infezioni ospedaliere sono coinvolti l’Escherichia coli e la Klebsiella (Gram negativi, e quest’ultima in Italia, risulta resistente agli antibiotici carbapenemici, di solito usati, almeno nel 33 per cento dei casi). Sono infezioni che hanno un tasso di mortalità che arriva al 50 per cento e possono provocare setticemie, polmoniti,infezioni delle vie urinarie e dei tessuti molli. Ed è proprio contro questi batteri ultraresistenti (Klebsiella in particolare) che si sta rivelando efficace la vecchia fosfomicina (era diventata ormai un farmaco generico, ma ora si ripresenta in fiale e a dosaggi elevati, una formulazione che da tempo non si trovava più in Italia), per tamponare situazioni difficili, rappresentate soprattutto dalle infezioni ospedaliere cosiddette da Gram negativi. Tutt’altro che rare, soprattutto in Italia. «Un’indagine condotta in Europa qualche tempo fa — spiega Gian Maria Rossolini, microbiologo all’Ospedale Careggi di Firenze — ha stimato che la prevalenza media di infezioni ospedaliere si aggira attorno al sei per cento: l’Italia supera questo valore e arriva al 6,3. Si parla, da noi, di circa 300 mila casi all’anno, con costi all’incirca di 500 milioni di euro».

Fonte:
http://www.corriere.it/salute/malattie_ ... resh_ce-cp


RIFLESSIONI
Ecco a cosa porta una medicina sempre più distante dalla Natura, prima o poi il prezzo si paga. Ben vengano quindi metodiche non farmacologiche che permettano di superare le malattie rinforzando il terreno.
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il lun mag 30, 2016 10:18 am

Puntata del 29/05/2016 di REPORT sulla Resistenza passiva - le drammatiche problematiche legate all'abuso di antibiotici
Per rivedere la puntata:
http://www.report.rai.it/dl/Report/punt ... 2520d.html

RIFLESSIONI
5000-7000 decessi l'anno per infezioni resistenti e l'Italia ovviamente con maglia nera in Europa per abuso di farmaci per non parlare di farmacovigilanza, quasi inesistente. E cosa fanno i nostri politici? Nulla, tranne continuare a spendere decine di milioni dei contribuenti per vaccini verso "epidemie inesistenti" tipo quella della meningite in Toscana:
http://www.gonews.it/2016/04/28/meningi ... cinazione/
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il mar mag 31, 2016 11:22 am

"Caro ministro, lei non può appoggiare l'omeopatia"

Immagine

Il Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze attacca la Lorenzin: ha scritto la prefazione del libro del presidente delle aziende che producono rimedi omeopatici

ROMA - Un libro che elogia l'omeopatia e la prefazione, firmata dal ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Poche righe che riaprono la polemica fra chi ritiene le cure omeopatiche "inutili" e chi invece la considera "efficaci". La presentazione di un saggio ha scatenato le critiche del Cicap, il Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze, che ha deciso di scrivere una lettera aperta a Lorenzin. Un documento che in poche ore ha raccolto 500 firme di esperti e rappresentanti della comunità scientifica.

Il libro. Il volume si intitola Elogio dell'omeopatia (edizioni Cairo) ed è firmato da Giovanni Gorga, nuovo presidente di Omeoimprese, che raggruppa le principali aziende italiane produttrici di rimedi omeopatici. Fra l'altro è direttore affari istituzionali di Guna, uno dei gruppi più importanti nel settore. Insomma si tratta di un manager che lavora per incrementare la conoscenza e la cultura sulla medicina complementare in Italia. Il suo è un libro che cerca di far capire i vantaggi di questo tipo di cura. Si presenta come un vademecum utile per chi sia interessato all'argomento e a chi si avvicina per la prima volta alla medicina non convenzionale.

PDF La lettera al ministro: http://www.repubblica.it/salute/2015/10 ... 125671891/

"Il ministro non doveva schierarsi". "Una pubblicazione di parte, perfettamente legittima in una società pluralista", si legge sul sito internet del del Cicap, che invece contesta la scelta del ministro di essere scesa in campo per presentare il volume, schierandosi con l'autore. "Quello che è inopportuno è che sia il ministro della Salute, con la sua prefazione, a sostenerne indirettamente il contenuto - scrive il Cicap - .Un ministro della salute ha il dovere istituzionale di comunicare ai cittadini quale sia la posizione della comunità scientifica nei confronti delle terapie disponibili. Il ministro Lorenzin ha adottato un comportamento ineccepibile nel caso dei vaccini, sostenendone la necessità ed evidenziando i rischi per la salute nel rifiutarli". Cosa che però, secondo il Cicap, non è avvenuta in questo caso.

"Servono prove". "L'omeopatia gode di popolarità e consenso, ma nessuno ha mai dimostrato che essa possa ottenere risultati superiori al semplice effetto placebo, cioè è priva di efficacia specifica. Autorevoli studiosi la ritengono poi tutt'altro che innocua. Il premio Nobel Rita Levi Montalcini ricordava, per esempio, che 'L'omeopatia è una non-cura potenzialmente dannosa perché distrae i pazienti da terapie realmente efficaci'.", scrive il Cicap - Succede, in questo paese piuttosto strano, che il ministro della Salute scriva la prefazione di un libro sull'omeopatia. Cosa strana, diranno i più, in fondo l'omeopatia non ha alcun fondamento scientifico. Eppure Beatrice Lorenzin, che da un lato combatte l'antiscienza di chi crede che i vaccini causino l'autismo o di quelli che credono che Vannoni sia un luminare della scienza medica, ha deciso lo stesso di dare il suo contributo alla causa omeopatica".

"Il ministro rettifichi". Per questo la lettera si chiude con la richiesta al ministro di fare un passo indietro. "Auspichiamo pertanto che da parte del ministero della Salute si provveda a rettificare i fraintendimenti che la prefazione del Ministro può generare, comunicando chiaramente ai cittadini ciò che le migliori ricerche svolte a livello internazionale consentono di affermare relativamente all'omeopatia. Il documento del Cicap cita anche una serie di fonti e di esperti contrari all'omeopatia. Fra i tanti il libro "Acqua fresca?", del farmacologo dell'Istituto Mario Negri, Silvio Garattini, che appunto non ha dubbi nel rispondere di sì a questa domanda sull'omeopatia.

Fonte:
http://www.repubblica.it/salute/2015/10 ... 125669111/


RIFLESSIONI
sempre più allarmati dalla presa di consapevolezza crescente delle persone su una medicina tradizionale che abusa fin troppo di farmaci e sull' efficacia incontestabile dell'omeopatia, continuano i tentativi disperati di fermarla, è da più di due secoli che ci provano, con ogni mezzo e l'appoggio di politici e informazione e l'omeopatia cresce...

CICAP comanda, Lorenzin obbedisce... e fa ritirare la prefazione che sarebbe giunta all'autore "per un errore della segreteria del ministero" ... ne deduciamo che il PC del Ministro abbia scritto e inviato la prefazione da solo e che... se siamo al settantasettesimo posto come libertà di stampa un motivo c'è.
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il gio giu 30, 2016 8:46 am

Lorenzin, d'accordo su immagini shock pro-vaccinazioni
Nel piano nazionale vaccini previste campagne istituzionali

ROMA - "Sulla campagna shock sui danni per malattie infettive dovute alle mancate vaccinazioni sono d'accordo". Lo ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine della presentazione dell'istituto Europeo del dolore, commentando la proposta emersa da un convegno organizzato dalla Fnomceo, Federazione nazionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri.

"Nel piano nazionale vaccini- ha aggiunto il ministro- abbiamo previsto delle campagne istituzionali, di informazione, non di pubblicità, cercando di rendere consapevoli i genitori dei benefici e dei rischi veri che ci possono essere, come per l'assunzione di qualsiasi farmaco, ma non come quelli che vengono 'decantati'" .

"Campagne come queste - ha concluso Lorenzin- che solo i medici possono fare, possono essere interessanti perché la comunicazione oggi sembra che funzioni solo così".

Fonte:
http://www.ansa.it/saluteebenessere/not ... b6dbc.html


RIFLESSIONI
E' un classico, quando non si riesce a convincere con gli argomenti ben venga far leva sulla paura.
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il gio lug 21, 2016 4:01 pm

Immagine

Lorenzin: "Vaccini? Non esiste il diritto di dire no...
...In Gran Bretagna tre anni fa c’è stata una epidemia di morbillo - dovuta proprio al fatto che molti avevano rinunciato al vaccino - che ha causato la morte di centinaia di persone."
http://www.ilmessaggero.it/primopiano/s ... 8355.html#

RIFLESSIONI
Dati ufficiali, in tutta la Gran Bretagna:

nel 2013: un decesso, (un ragazzo di 25 anni morto di polmonite);

nel 2014: nessun decesso.
https://www.gov.uk/government/publicati ... 12-to-2014


CODICE DI DEONTOLOGIA MEDICA

Codice deontologico art. 4
"Libertà e indipendenza della professione. Autonomia e responsabilità del medico.
L'esercizio professionale del medico è fondato sui principi di LIBERTA', INDIPENDENZA, AUTONOMIA e RESPONSABILITA'."

Codice deontologico art. 20
"Relazione di cura
La relazione tra medico e paziente è costituita sulla libertà di scelta e sull'individualizzazione e condivisione delle rispettive autonomie e responsabilità. Il medico nella relazione persegue l'alleanza di cura fondata sulla reciproca fiducia e sul mutuo rispetto dei valori e dei diritti e su un'informazione comprensibile e completa."

Codice deontologico art. 22
"Rifiuto di prestazione professionale
Il medico può rifiutare la propria opera professionale quando vengano richieste prestazioni in contrasto con la propria coscienza o con i propri convincimenti tecnico-scientifici, a meno che il rifiuto non sia di grave e immediato nocumento per la salute della persona, fornendo comunque ogni utile informazione e chiarimento per consentire la fruizione della prestazione."

Codice deontologico art. 27
"Libertà di scelta del medico e del luogo di cura
La libera scelta del medico e del luogo di cura costituisce diritto della persona."

Costituzione della Repubblica Italiana, 1947/32
Il Diritto alla Salute è un diritto fondamentale, e' riconosciuto dall'articolo 32.
"La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana".

“Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l’arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica“.

Benjamin Rush (firmatario della Dichiarazione d’Indipendenza USA – 17 Sett 1787)
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: LE FOLLIE DELLA SCIENZA...

Messaggiodi Dr.Ascani il dom ago 07, 2016 8:32 am

La dieta è ricca di grassi e fa male alla salute: arriva il vaccino che ci protegge
http://www.leggo.it/societa/sanita/vacc ... 68941.html

RIFLESSIONI
"Fa che il Cibo sia la tua Medicina
e che la Medicina sia il tuo Cibo"


Ippocrate (V sec. a.C.)
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Forum Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron