Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci

Sezione riservata alla segnalazione di effetti indesiderati o inefficacia di terapie o interventi diagnostici.

Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci

Messaggiodi Dr.Ascani il mer mar 08, 2017 9:12 pm

I malati di cancro possono alleviare la fatica (legata sia agli effetti del tumore che ai trattamenti) in modo più efficace con l'esercizio fisico e la psicoterapia che con i farmaci. È quanto suggerisce un recente studio, pubblicato da JAMA Oncology.

I ricercatori hanno esaminato i dati di 113 studi pubblicati in precedenza che coinvolgono più di 11.500 pazienti affetti da cancro che sono stati assegnati in modo casuale a trattare la spossatezza con l'esercizio fisico o la psicoterapia, o con entrambi, o solo con i farmaci.

Si è così riscontrato che l'esercizio fisico e la psicoterapia erano associati con una riduzione dal 26% al 30% nella spossatezza, durante e dopo il trattamento del cancro. I farmaci, però, erano legati solo ad una diminuzione del 9% della fatica.

"I pazienti hanno bisogno di provare l'esercizio o la psicoterapia prima di arrivare ad assumere un farmaco", ha spiegato l’autrice dello studio Karen Mustian del University of Rochester Medical Center di Rochester di New York.

"Non è chiaro – spiega Mustian - il motivo per cui l'esercizio fisico e la psicoterapia possano essere più efficaci dei farmaci. Non sappiamo per certo perché l’esercizio funzioni, ma alcune ricerche recenti suggeriscono che sia per gli effetti anti-infiammatori indotti dall'esercizio fisico e anche al miglioramento delle stesse funzionalità - cardiovascolare, polmonare e muscolare. In termini di psicoterapia, la forma più vantaggiosa è stata la terapia di gruppo che ha utilizzato un approccio cognitivo-comportamentale per educare i pazienti, aiutarli a cambiare il loro modo di pensare alla fatica e di gestirla, e anche ad adottare comportamenti diversi per alleviarla".

Gli autori sottolineano che uno dei vantaggi di questo studio è che sono state accorpate diverse ricerche che invece prese singolarmente sarebbero state troppo ‘piccole’ per poter trarre delle conclusioni significative circa i vantaggi relativi ai diversi trattamenti. D'altra parte le limitazioni stanno essenzialmente nel fatto che i disegni sperimentali differenti e le differenze in età, sesso, etnia di appartenenza dei soggetti considerati avrebbero comunque potuto interferire in qualche modo nell'analisi dell'efficacia dei diversi trattamenti.

Fonte:
http://www.informasalus.it/it/articoli/ ... armaci.php
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3780
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Osservatorio su terapie o interventi diagnostici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron