Farmaci contro il colesterolo bloccati

Sezione riservata alla segnalazione di effetti indesiderati o inefficacia di terapie o interventi diagnostici.

Farmaci contro il colesterolo bloccati

Messaggiodi Dr.Ascani il sab nov 22, 2008 6:58 pm

Decine di morti sospette - Bloccato il nuovo farmaco
Stop della Pfizer ai test sul medicinale anti-colesterolo

La Pfizer, la massima società farmaceutica del mondo, non produrrà il Torcetrapib, il suo nuovo e atteso farmaco contro il colesterolo. Il suo presidente Jeffrey Kindler ha ordinato la fine di tutte le ricerche e gli esperimenti, “a causa dell’ inaspettato numero di decessi e di problemi cardiovascolari riscontrati nei pazienti”, e ha chiesto che il Torcetrapib non venga più somministrato a nessuno. La Pfizer ha preso la decisione dopo che il Monitoring board, un organo di controllo indipendente, ha dato l’allarme. Il direttore del board, il dottor Philip Barter, ha detto di avere riscontrato “morti sorprendenti alla luce degli studi svolti in precedenza. Siamo tutti dispiaciuti - ha precisato - perché si trattava di un farmaco dal grande potenziale”.
CONTROLLI - Barter, un medico dell' Istituto di ricerca cardiovascolare dell' Australia, ha spiegato di avere svolto i più rigidi controlli coi suoi collaboratori per due anni e di avere creduto che il Torcetrapib fosse sicuro. La Pfizer, ha aggiunto, ha agito appena letto il suo rapporto. L’annuncio della società ha scosso l’America e suscitato polemiche al Congresso, dove i democratici, che ne assumeranno il controllo a gennaio, intendono riesaminare l’intera industria farmaceutica, una delle più proficue - e delle più protette dalla concorrenza straniera - degli Stati Uniti. Il Torcetrapib alza il livello del colesterolo cosiddetto buono, e andava somministrato con il Lipitor, che abbassa il livello di quello cattivo, e che è il farmaco più venduto al mondo. La Pfizer aveva condotto esperimenti su 7.500 pazienti con entrambi i farmaci, e su altri 7.500 con il solo Lipitor. “Purtroppo nel primo gruppo si sono riscontrati 82 decessi contro 51 nel secondo, una forte differenza che ha scosso tutti”, ha riferito il portavoce Paul Fitzhenry. Dal rapporto del Monitoring board, sembra che il Tercetrapib causasse un aumento della pressione, mentre il Lipitor non presentava problemi. Ha sottolineato il presidente Kindler: “Ci siamo subito preoccupati di salvaguardare i pazienti”.
INVESTIMENTI - Appena tre giorni fa la Pfizer aveva annunciato di essere pronta a chiedere alla Food and drug administration l’ autorizzazione a mettere il Torcetrapib sul mercato nel secondo semestre del 2007. La società aveva investito 800 milioni di dollari nel nuovo farmaco, e sperava di eguagliare col tempo le vendite annue del Lipitor di 12 miliardi di dollari. Secondo Kindler, il suo ritiro non danneggerà la Pfizer: “Le previsioni di bilancio del 2006 verranno rispettate”. Ma a Wall street si temono dure ripercussioni. Nel triennio 2005-2007 la società perderà brevetti per un totale di 14 miliardi di dollari, e il brevetto del Lipitor finirà nel 2011. Le sue quotazioni in borsa potrebbero soffrirne.
PROGRAMMI - A una conferenza stampa, Kindler ha evidenziato di avere in corso 242 programmi di ricerche ed esperimenti “su farmaci promettenti” e di credere che la Pfizer continuerà a eccellere in essi. Ha tuttavia ammesso che la società dovrà ridurre i costi e rinnovarsi. Il suo predecessore Hank McKinnell, dimessosi la scorsa estate, aveva già previsto una riduzione del 20 per cento del personale addetto alle vendite, e potrebbero seguirne altre. Kindler ha riscosso il plauso della Food and drug administration.
L’OBIETTIVO - Il Torcetrapib della Pfizer è stato concepito come farmaco in grado di alzare il livello di colesterolo buono e quindi capace di diminuire il rischio di infarti e ictus.
LA SPERIMENTAZIONE - È stata condotta su 15.000 pazienti: tra i 7.500 trattati con Torcetrapib e il tradizionale Lipitor i decessi sono stati 82, 31 in più rispetto a quelli curati solo con il secondo medicinale.
I PRECEDENTI. 2001 La Bayer, nel 2001, ha ritirato dal commercio il farmaco anticolesterolo Lipobay, a base di cerivastatina: avrebbe provocato 52 morti; 2004 Antinfiammatorio di nuovo tipo, il Vioxx (a base di rofecoxib), nel 2004 è stato ritirato dalla Merck per l’ aumentato rischio di infarto miocardio; 2005 Biogen Idec ed Elan Corporation nel 2005 hanno ritirato dal mercato il Tysabri, un nuovo trattamento per la sclerosi multipla approvato con procedura rapida pochi mesi prima.

Fonte: Corriere della Sera, 04/12/06
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3782
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Osservatorio su terapie o interventi diagnostici

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron