RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il lun nov 15, 2021 6:35 pm

Ricerca: “Buoni risultati del trattamento omeopatico in pazienti con tumore polmonare”. Le considerazioni del Prof. Paolo Bellavite

Il trattamento omeopatico come terapia aggiuntiva può migliorare la qualità della vita e prolungare la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule: uno studio prospettico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, a tre bracci, multicentrico.

Le considerazioni del Prof. Paolo Bellavite – Università di Verona

“Il gruppo di Michael Frass dell’Università di Vienna ha pubblicato un interessante studio sull’efficacia dell’omeopatia come terapia aggiuntiva in pazienti con cancro del polmone.

L’articolo è appena uscito su una importante rivista di oncologia (The Oncologist 2020; 25: 1–26). Qui riporto il riassunto con una mia traduzione e la figura principale che ho adattato allo scopo.

Il trattamento omeopatico come terapia aggiuntiva può migliorare la qualità della vita e prolungare la sopravvivenza nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule: uno studio prospettico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco, a tre bracci, multicentrico.

I pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) in stadio avanzato (IV stadio) hanno limitate opzioni di trattamento. Lo scopo del presente studio era di indagare se l’omeopatia additiva potesse influenzare la qualità della vita (QoL) e la sopravvivenza nei pazienti con NSCLC.

In questo studio di fase III prospettico, randomizzato, controllato con placebo, in doppio cieco e multicentrico, è stato valutato l’effetto del trattamento omeopatico additivo alla terapia convenzionale.

Il confronto è stato fatto con gruppi di pazienti con la stessa malattia trattai con placebo o non trattati.

I pazienti hanno visitato i centri ambulatoriali ogni 9 settimane: 150 pazienti con NSCLC in stadio IV sono stati inclusi nello studio; 98 hanno ricevuto rimedi omeopatici individualizzati (n = 51) o placebo (n = 47) in doppio cieco; e 52 pazienti di controllo senza alcun trattamento omeopatico sono stati osservati solo per la sopravvivenza.

I costituenti dei diversi rimedi omeopatici erano principalmente di origine vegetale, minerale o animale. I rimedi sono stati prodotti mediante diluizione e succussione graduali, preparando così formulazioni stabili di qualità Good Manufacturing Practice.

Risultati. La qualità della vita e le scale funzionali e dei sintomi hanno mostrato un miglioramento significativo nel gruppo omeopatico rispetto al placebo dopo 9 e 18 settimane di trattamento omeopatico (p <0,001).

Il tempo di sopravvivenza mediano è stato significativamente più lungo nel gruppo omeopatia (435 giorni) rispetto al placebo (257 giorni; p = 0,010) e rispetto al controllo (228 giorni; p <0,001). Il tasso di sopravvivenza nel gruppo omeopatico differiva significativamente dal placebo (p = .020) e dal controllo (p <.001).

Conclusione. La qualità della vita è migliorata significativamente nel gruppo omeopatico rispetto al placebo. Inoltre, la sopravvivenza è stata significativamente più lunga nel gruppo omeopatico rispetto al placebo e al controllo. Una qualità di vita più alta potrebbe aver contribuito alla sopravvivenza prolungata.

Lo studio suggerisce che l’omeopatia influenza positivamente non solo la qualità di vita ma anche la sopravvivenza. Sono auspicabili ulteriori studi che includano altre entità tumorali”.

Fonte:
https://www.omeopatiasimoh.org/ricerca- ... x1_mnipFHA
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33010094/
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3845
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il lun feb 21, 2022 9:19 am

Medicinali omeopatici individualizzati nel trattamento della vitiligine: studio pilota in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo

Obiettivo: è stata testata la fattibilità di uno studio definitivo per valutare i farmaci omeopatici individualizzati (IHM) per il trattamento della vitiligine.

Disegno dello studio: questo era uno studio pilota randomizzato in doppio cieco (1:1), controllato con placebo, condotto presso il National Institute Homeopathy, India. Nello studio sono stati inclusi sessanta pazienti con vitiligine.

Interventi: IHM e placebo dall'aspetto identico con potenze 50 millesimali (LM).

Misure dei risultati: i problemi di fattibilità e i punteggi del Vitiligo Area Scoring Index (VASI), dello strumento di qualità della vita specifico per la vitiligine (VitiQoL) e dell'indice della qualità della vita in dermatologia (DLQI) sono stati misurati all'inizio e dopo 3 e 6 mesi.

Risultati: i tassi di reclutamento e partecipazione sono stati soddisfacenti. Le riduzioni medie delle misure dei risultati erano più elevate nel gruppo IHM rispetto al placebo.

Conclusioni: sono giustificati studi di efficacia definitivi.

Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35085016/
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3845
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il dom mar 13, 2022 11:38 pm

Thuja Occidentalis: una fitomedicina inesplorata con applicazioni terapeutiche

Contesto: l'attuale focolaio di malattie respiratorie dovute a SARS-CoV-2 ha ricevuto un'attenzione globale e studi recenti mostrano vari limiti, incluso il trattamento. La fitomedicina ha svolto un ruolo di primo piano nel trattamento e nella prevenzione di varie malattie epidemiche e pandemiche.
Obiettivo: qui, tentiamo di concentrarci su un approccio sicuro e fattibile con Thuja occidentalis per gestire e alleviare la paura delle infezioni respiratorie virali incluso il COVID-19, rafforzando l'immunità dell'individuo. Le informazioni rilevanti sono state raccolte dai database del web, Pubmed, Google Scholar e MEDLINE, nonché da fonti su internet.
Conclusione: in quanto importante fitomedicina e re degli antipsicotici, T. occidentalis possiede una pletora di proprietà immunologiche che non solo possono essere utilizzate efficacemente nella gestione delle infezioni virali respiratorie, ma hanno anche il potenziale per prevenire l'ulteriore progressione della malattia. È importante sottolineare che questa è solo una parte dell'approccio al trattamento dell'attuale focolaio che dovrebbe essere considerato insieme ad altre misure.

Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35260050/
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3845
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il lun mag 02, 2022 4:52 pm

Cambiamenti fenotipici nelle cellule di adenocarcinoma mammario (4T1) in vitro dopo il trattamento con Carcinosinum

Obiettivo: Il presente studio mirava a identificare possibili cambiamenti fenotipici nelle cellule 4T1 (adenocarcinoma mammario murino) in vitro, inclusi la vitalità, l'espressione di HER-2 (recettore del fattore di crescita epidermico umano di tipo 2) e il potenziale metastatico, dopo il trattamento con Carcinosinum in diverse diluizioni omeopatiche (12cH, 30cH, 200cH) da una diluizione commerciale, agitate meccanicamente in acqua pura e sterile.

Metodo: le cellule trattate sono state coltivate in terreno R10, utilizzando piastre da 24 contenitori, e 100.000 cellule per contenitore trattate con Carcinosinum 12cH, 30cH o 200cH; le cellule non trattate sono state utilizzate come gruppo di controllo. Dopo 24 ore di trattamento, la percentuale di cellule apoptotiche è stata analizzata mediante annessina V. La morfologia cellulare è stata valutata al microscopio dopo la colorazione con ematossilina-eosina e Giemsa, mentre l'espressione di HER-2 è stata valutata mediante immunocitochimica. Il potenziale metastatico è stato determinato dall'espressione e dall'attività della metalloproteinasi 9 (MMP-9) della matrice enzimatica mediante zimografia. Il profilo delle citochine è stato stabilito utilizzando il metodo dell'array di microsfere citometriche.

Risultato: il trattamento in vitro delle cellule 4T1 con Carcinosinum 30cH ha prodotto un aumento del numero di cellule V positive all'annessina (apoptosi) e una ridotta espressione di MMP-9 proattivato. Le cellule trattate con Carcinosinum 200cH presentavano un'iperespressione di HER-2 sulla membrana plasmatica, identificata mediante immunocitochimica. Non ci sono state differenze nella produzione di citochine tra i trattamenti.

Conclusione: i dati mostrano risultati promettenti per Carcinosinum 30cH in vitro, ma sono anche necessari studi in vivo per valutare il ruolo del microambiente tumorale nei suoi effetti.

Fonte:
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/35477183/
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3845
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Precedente

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron