Allergia e qualità di vita,l'approccio omeopatico è efficace

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Allergia e qualità di vita,l'approccio omeopatico è efficace

Messaggiodi Dr.Ascani il gio mar 12, 2009 10:09 am

La rinite allergica rappresenta un problema globale di salute, che interessa una percentuale compresa tra il 10% e il 40% della popolazione. In una recente rassegna sulle CAM per le riniti e l'asma, effettuata dalla Associazione "Allergic Rhinitis and its impact on Asthma" (ARIA), l'impiego dell'omeopatia nelle riniti è stato descritto in trial di buona qualità. Scopo di questo studio pilota è stato quello di valutare dopo tre e quattro settimane di terapia, l'effetto di una terapia omeopatica nel trattamento della rinite allergica stagionale (RAS), tramite il "Rhino-conjunctivitis Quality Life Questionnaire" (RQLQ), che raccoglie 28 domande inerenti sette attività quotidiane modificate dai disturbi nasali ed oculari, valutate con un punteggio da 0 (disturbi assenti) a 6 (massima intensità dei disturbi) espressione di differenti gradi di difficoltà rino-congiuntivale, avvertita dai soggetti esaminati. Questo studio osservazionale, prospettico, aperto, non comparativo, è stato condotto in Belgio durante la primavera 2006. I criteri di inclusione prevedevano età compresa tra 18 e 65 anni, con sintomi di RAS. I medici omeopati selezionati per il lavoro, dovevano avere almeno 15 anni di esperienza nella pratica clinica dell'omeopatia. La gravità dei sintomi doveva essere misurata tramite il "Total 5 Symptoms Score" (T5SS), una scala utilizzata come criterio di inclusione attraverso la quale si valutano la rinorrea, gli starnuti, la congestione nasale ed il prurito nasale ed oculare. I pazienti venivano inclusi se il punteggio del T5SS era almeno di indice 6 su 15, se riferito alle ultime 24 ore, o con indice 15 su 60, se riferito a quattro giorni durante l'ultima settimana. Inoltre almeno uno dei test per i pollini (IgE RAST) doveva essere positivo. I singoli sintomi di rinite sono stati valutati dai pazienti utilizzando la scala a 4 punti di Likert, con punteggio da 0 (assenti) a 3 (gravi), e rifletteva la condizione compresa nel periodo oltre le 24 ore precedenti. La valutazione dei sintomi dei pazienti, effettuata dai medici, era stata effettuata utilizzando la scala a 6 punti di Likert (-1, peggiorati; 4, guariti). I criteri di esclusione riguardavano pazienti in terapia con antistaminici da almeno 14 giorni e con asma in terapia con altri farmaci oltre che con gli inalanti beta-2-agonisti. Le modificazioni dei punteggi complessivi del RQLQ all'inizio, alla terza e alla quarta settimana di trattamento, sono servite come primo endpoint dello studio. L'endpoint secondario includeva le modificazioni delle sette attività quotidiane riportate nel RLQL, e le modificazioni dei sintomi valutate dai medici con la scala a 6 punti di Likert, dall'inizio dello studio. Dei 74 pazienti arruolati all'inizio dello studio, 46 hanno completato tutto l'iter previsto. Il punteggio più alto del RQLQ all'inizio dello studio, è stato di 5,50, il più basso di 1,21 (media 3,40). Dopo la terza e quarta settimana di terapia omeopatica i pazienti avevano riportato un significativo miglioramento nella loro qualità di vita; dopo tre settimane il punteggio era di 1,97 (P=0,0001), e dopo quattro settimane di 1,6 (P=0,001). Dopo tre settimane di terapia omeopatica i pazienti hanno riportato un miglioramento del 38%, mentre dopo quattro settimane il miglioramento era stato del 52%. I dieci medicinali omeopatici maggiormente utilizzati per i trattamenti sono stati Sulphur (13%), Pulsatilla (8%), Medorrhinum (6%), Tub. aviaire (5%), Natrum muriaticum, Phosphorus, Sepia, (4% ciascuno), Arundo, Calcarea phosphorica, Thuja (3% ciascuno). Quando i sintomi non miglioravano dopo la prima settimana, i pazienti ricevevano una seconda o una terza prescrizione. In totale sono stati utilizzati 96 medicinali omeopatici, con una media di due per ogni paziente. Il risultato conseguito del 52% di miglioramento del RQLO è in linea con il miglioramento verificato negli identici studi effettuati su larga scala, sia in Germania (50% di 3981 pazienti) che nel Regno Unito (50,7% di 4627 pazienti).

Fonte:
Homeopathy, 2009, 98, (1), 11
Articolo di Roberto Pulcri
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3778
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti

cron