ANTIBIOTICI IN GRAVIDANZA: RISCHIO OBESITA' INFANTILE

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

ANTIBIOTICI IN GRAVIDANZA: RISCHIO OBESITA' INFANTILE

Messaggiodi Dr.Ascani il gio feb 02, 2017 2:32 pm

Immagine

Mueller osserva che le strategie per ridurre cesarei medicalmente necessarie e per fornire il bambino con salutari batteri dopo cesareo devono essere studiati.
Lo studio pubblicato lo scorso 18 novembre 2014 da Mailman School of Public Health dell'Università di Columbia non dovrebbero scoraggiare l'uso di antibiotici quando sono medicalmente necessarie, ma è importante riconoscere che gli antibiotici sono attualmente overprescribed (pescritti in eccesso). I bambini esposti agli antibiotici in questo lasso di tempo ha avuto un 84 % più alto rischio di obesità, rispetto ai bambini che non sono stati esposti

di Cinzia Marchegiani
New York (USA) - Una malattia che sta colpendo molti bambini nell’età dell’adolescenza, il diabete. In questa direzione è stato eseguito uno studio presso Mailman School of Public Health dell'Università di Columbia in New York per individuare una delle tante concause che stanno alzando i report sull’obesità proprio nei bambini. La ricerca, oltre a confutare il nesso importante tra i bambini che sono stati esposti agli antibiotici nel secondo o terzo trimestre di gravidanza e il rischio più elevato di obesità infantile all'età di 7 anni, ha anche mostrato che per le madri che hanno consegnato i loro bambini da un taglio cesareo, sia elettiva o non elettivo, c'era un alto rischio di obesità nella loro prole. I risultati dello studio sono stati pubblicati online nella rivista International Journal of Obesity. .

ANTIBIOTICI IN GRAVIDANZA E ANCHE IN ETA’ PRECOCE, UN DATO ALLARMANTE
Anche se studi precedenti hanno dimostrato che gli antibiotici somministrati in età precoce può essere associato ad un aumentato rischio di obesità nell'infanzia, questo è il primo studio riferendo che l'uso di antibiotici materno nel secondo o terzo trimestre di gravidanza aumenta il rischio di obesità prole. Antibiotici influenzano microbi nella madre e per entrare circolazione fetale attraverso la placenta. I ricercatori stanno cominciando a capire che i batteri che normalmente popolano il nostro colon hanno un ruolo importante nel mantenere la nostra salute e squilibri in queste popolazioni batteriche può causare una varietà di malattie. Disturbi del normale, la trasmissione di batteri dalla madre al bambino sono pensati per mettere il bambino a rischio per diverse condizioni di salute, tra cui l'obesità.

DATI DELLO STUDIO
Lo studio si basa su dati di buona salute, non fumatori, le donne in gravidanza che sono stati reclutati per la Northern Manhattan Study mamme e bambini da cliniche prenatali a New York-Presbyterian Hospital e Harlem Hospital Center tra il 1998 e il 2006. Di 727 madri iscritti al studio, 436 madri ei loro bambini sono stati seguiti fino a 7 anni di età. Di questi 436 bambini, il 16% ha avuto madri che hanno utilizzato antibiotici nel secondo o trimestre. Questo lavoro è uno sforzo proprio per capire come promuovere la crescita sana e lo sviluppo attraverso fuori l'infanzia e l'adolescenza e quindi ottimizzare una salute ambientale. I bambini esposti agli antibiotici in questo lasso di tempo ha avuto un 84% più alto rischio di obesità, rispetto ai bambini che non sono stati esposti.

DICHIARAZIONI STUDIOSI
Noel Mueller, PhD, assegnista di ricerca post-dottorato presso Mailman School of Public Health e l'Istituto di Nutrizione Umana della Columbia University dichiara in merito: "I nostri risultati su antibiotici prenatali e di rischio per l'obesità prole sono nuovi, e quindi meritano la replicazione in altri studi di coorte prospettici. Se questi risultati reggono, suggeriscono nuovi meccanismi attraverso i quali le traiettorie di crescita dall'infanzia sono influenzati nelle prime fasi di sviluppo. I nostri risultati non dovrebbero scoraggiare l'uso di antibiotici quando sono medicalmente necessarie, ma è importante riconoscere che gli antibiotici sono attualmente overprescribed. "

Indipendente dall’ utilizzo di antibiotici prenatale, il parto cesareo è stato anche associato ad un rischio pari al 46% più alto di obesità infantile. I ricercatori hanno controllato per età materna, etnia, peso alla nascita, il sesso, l'allattamento al seno durante il primo anno, e antibiotici gestazionale o la modalità di consegna.

Andrew Rundle, DrPH, professore associato di Epidemiologia presso l'Mailman School of Public Health spiega:"I nostri risultati sono coerenti con una serie di articoli che ha esaminato i dati sul parto cesareo. Mentre gli studi precedenti hanno suggerito che i risultati infanzia differiscono se il taglio cesareo elettivo era o non elettiva, non abbiamo osservato tali prove. Così, i nostri risultati forniscono nuove prove a sostegno dell'ipotesi che il taglio cesareo contribuisce in modo indipendente al rischio di obesità infantile."

Lo stesso dr Mueller mette a confronto la similitudine dell'uso di antibiotici durante la gravidanza, e la sezione cesareo per la nascita del bambino, sono entrambe utilizzati per ridurre la normale trasmissione di batteri dalla madre al bambino e perturbare l'equilibrio di batteri nel bambino. Per questo Mueller osserva che le strategie per ridurre cesarei medicalmente necessarie e per fornire il bambino con salutari batteri dopo cesareo devono essere studiati.

Il dottor Rundle riflette l’importanza di questo studio: "Sono necessarie ulteriori ricerche su come la modalità di consegna, l'uso di antibiotici durante la gravidanza e di altri fattori influenzano la costituzione dell'ecosistema di batteri che abitano ciascuno di noi. Questa ricerca ci aiuterà a capire come creare una piattaforma presto per sostenere la crescita sana e lo sviluppo dei bambini."

Fonte:
http://www.osservatoreitalia.it/index.a ... d=5&arg=21
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3818
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite