Firenze, apre il primo ambulatorio ospedaliero di omeopatia

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Firenze, apre il primo ambulatorio ospedaliero di omeopatia

Messaggiodi Dr.Ascani il mar gen 15, 2019 4:42 pm

Firenze, apre il primo ambulatorio ospedaliero di omeopatia in gravidanza
All'ospedale di Ponte a Niccheri un'anestesista, che ha studiato anche questa medicina complementare, riceverà le donne incinte due volte al mese

Immagine

La ginecologia e ostetricia di Ponte a Niccheri apre un ambulatorio di omeopatia. Da oggi e per due pomeriggi al mese le donne in gravidanza che vogliono essere seguite anche con i rimedi di questa medicina non convenzionale potranno farsi vedere dalla dottoressa Caterina Biffoli, anestesista dello stesso ospedale. L’omeopatia è piuttosto diffusa nelle strutture sanitarie pubbliche della Toscana ma è la prima volta che viene attivato un ambulatorio per la gravidanza al quale si accede attraverso il Cup, centro unificato di prenotazione.

Procede dunque la tradizione di apertura nei confronti delle medicine complementari da parte della Toscana, malgrado nel passato recente ci siano stati molti attacchi per questa scelta, da parte dell’allora presidente dell’Istituto superiore di sanità Walter Ricciardi e anche di vari altri farmacologi e medici. Sostengono che i prodotti omeopatici contengono quantità infinitesimali di principi attivi e quindi non possono funzionare. «Conosco bene le polemiche — spiega la dottoressa Biffoli — Non è vero che non ci sono studi scientifici che rivelano l’efficacia dell’omeopatia. Dobbiamo però considerare anche che quando ci avviciniamo a queste discipline c’è bisogno di altri parametri di valutazione. Sono preparati diversi che agiscono in modo diverso. E comunque i prodotti omeopatici avranno presto la registrazione dell’Agenzia del farmaco».
L’ambulatorio sarà aperto per tre ore due pomeriggi al mese, anche perché come spiega la stessa dottoressa, lei è presa dal suo lavoro principale che la porta in sala operatoria e nel reparto di anestesia. Per essere visitate le donne devono pagare il ticket, sempre che non siano esenti. «A Ponte a Niccheri fino a 7-8 anni fa c’era una collega che praticava l’omeopatia, che poi è andata in pensione, ma non esisteva un ambulatorio dedicato, la collega faceva la libera professione».

Biffoli racconta di essersi avvicinata all’omeopatia perché non riusciva a risolvere un suo problema di salute con la medicina tradizionale. Dopo essere guarita ha iniziato a studiare. «Volevo conoscere questa disciplina. Da noi all’università non ce n’è traccia, al contrario ad esempio che in Germania. Ho così studiato tre anni fino al 2016».
L’anestesista ha convinto i colleghi della ginecologia a farle aprire un ambulatorio dopo aver risolto il caso di una donna in gravidanza che doveva nutrirsi con una sonda perché non riusciva a trattenere il cibo nell’organismo. «Nel giro di 24 ore ha smesso di vomitare — racconta — e dopo pochi giorni le hanno tolto la nutrizione artificiale. I colleghi hanno visto gli effetti dell’omeopatia su quella paziente e mi hanno consultato anche per altre questioni. Alla fine è nata l’idea dell’ambulatorio pubblico. I due primari si sono detti d’accordo e poi è arrivato il via libera anche della direzione sanitaria. Adesso eccomi qua, sono pronta a ricere i primi pazienti a partire dalle 14.30». Un nuovo successo in Toscana per la più discussa delle medicine complementari.

Fonte:
https://firenze.repubblica.it/cronaca/2 ... cY4Vwi3Xfs
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3782
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti