Perchè i pazienti scelgono le Medicine Complementari?

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Perchè i pazienti scelgono le Medicine Complementari?

Messaggiodi Dr.Ascani il lun dic 15, 2008 4:16 pm

Tutti sanno che le Medicine Complementari (CAM) sono molto diffuse e alcuni conoscono i fattori connessi a tale diffusione: pochi però sono in grado di definire in che modo questi fattori portano a questo risultato.

Diversi sono stati i modelli interpretativi adottati nel tempo per definire e comprendere lo sviluppo delle discipline complementari tra la popolazione; tra essi, quello socio-comportamentale è stato quello che ha riscosso maggiore interesse, anche se il tema deve ancora essere definito in tutti i suoi vari aspetti. Ecco perché due autori canadesi, Fuschia M. Sirois e Rebecca J. Purc-Stephenson, si sono proposti di raggiungere due importanti obiettivi: da una parte applicare e verificare la efficacia di un modello di "decision making" del consumatore per individuare il ruolo di alcuni fattori implicati nel determinare la decisione di terapia; dall'altra esaminare in modo specifico tale ruolo in due diversi sottogruppi di pazienti: un gruppo di utilizzatori recenti (o, comunque, discontinui) e un gruppo di utilizzatori regolari. L'impostazione della ricerca si basa su alcune considerazioni che riguardano vari modelli di "consumer decision making" proposti nel tempo, selezionando tra tutti quello di Kanuk e Shiffman (2000) che sembra essere il più adeguato, in quanto non si limita ad elencare i vari fattori implicati, ma formula anche uno schema interpretativo di come tali fattori tra essi si correlano. I parametri presi in considerazione sono stati suddivisi in: influenze esterne (ad esempio il consiglio di parenti e amici); aspetti psicologici individuali (ad esempio la soggettiva percezione dei sintomi); insoddisfazione con la medicina convenzionale (è una motivazione molto frequente per la scelta di terapia CAM); aspettative di ruolo (legate in parte a come il paziente intende che debba svilupparsi il rapporto tra se' stesso e il medico). Il presupposto è comunque quello secondo il quale i fattori implicati nella scelta terapeutica dei consumatori saltuari siano diversi da quelli implicati nella scelta dei consumatori abituali. Lo studio è stato condotto a Ontario, in Canada, è durato 14 mesi e ha coinvolto undici cliniche di Medicina Convenzionale (CM) e sedici cliniche di Medicine Complementari (CAM). Sono stati distribuiti 679 questionari di cui 242 sono stati compilati e restituiti (tre non sono stati valutati per dati mancanti), di essi 142 (59%) hanno interessato cliniche in cui si esercitavano con regolarità discipline di tipo complementare. I pazienti dello studio canadese sono stati suddivisi in tre gruppi: 54 fruitori solo di medicina convenzionale (CM), 112 fruitori regolari di CAM (rCAM) e 73 fruitori sporadici o da poco tempo di CAM (irCAM). Le conclusioni dello studio hanno confermato che la maggior parte (88,1%) dei pazienti che usano le CAM scelgono tale terapia in associazione alla CM e solo tra il 16,1% di coloro che usano regolarmente le CAM le usa in sostituzione della CM. Le percentuali delle CAM utilizzate sono 77,8% per la chiropratica, 71,4% per il massaggio, 35,7% per l'omeopatia e naturopatia, il 20,5% per l'agopuntura, l'11,9% per la reflessologia e il 7,6% per il reiki. Il 70,5% dei pazienti CM si dichiara disposto ad usare le CAM nel caso venissero raccomandate e l'83,7% nel caso di fallimento della CM. Il 67,5% dei pazienti CAM ha fatto la scelta per fallimento della CM e il 71,2% dietro suggerimento di amici e parenti. Il 55,7% a causa di effetti collaterali con la CM, e ciò soprattutto tra i pazienti rCAM. Il punteggio di soddisfazione derivato da più parametri (soddisfazione generale, qualità tecnica, comunicazione, accessibilità, rapporto medico-paziente, tempo a disposizione) è stato in genere più elevato per i pazienti CM rispetto ai pazienti CAM. Per i fattori determinanti la decisione terapeutica, i pazienti irCAM riportano più frequentemente una sensazione soggettiva di gravità di malattia cronica e scarsa soddisfazione per la qualità tecnica della CM. I pazienti rCAM hanno più spesso aspettative per una politica sanitaria più egualitaria. Lo studio è in parte inficiato dall'alta percentuale di questionari non restituiti (64,4%) che rende non utilizzabili ad esempio i dati demografici: le caratteristiche del campione potrebbero essere in realtà le caratteristiche di quella parte del campione più motivata a partecipare. Lo studio offre però un possibile modello di indagine epidemiologica sui fattori determinanti la scelta delle CAM da parte dei pazienti e alcuni interessanti spunti di riflessione su alcuni di questi fattori già segnalati in altri lavori. Si conferma infatti che il ricorso alle CAM avviene soprattutto per delusione nei confronti della CM o, comunque, a causa degli effetti collaterali che la CM comporta e che la grande maggioranza dei pazienti ricorre alle CAM considerandole complementari rispetto alla CM.

Fonte:
Compl Health Practice Rev, 2008, 13, (1), 3
Articolo di di Francesco Macrì
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3778
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron