RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il dom dic 10, 2017 2:12 am

Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il gio dic 14, 2017 11:39 pm

Potenziale terapeutico del nosode dell'HIV 30ch valutato sulle cellule tumorali del polmone A549.

Conclusioni
Il nosode dell'HIV 30ch ha un potenziale terapeutico nell'indurre effetti citotossici sulle cellule A549 come manifestato dai cambiamenti nella condensazione nucleare, dalla frammentazione del DNA, dalla generazione di specie reattive dell'ossigeno e di metalloproteasi e per la sua azione inibitoria sulla proliferazione cellulare, sulla migrazione cellulare, sull'espressione della trascrittasi inversa della telomerasi e sui geni Top II e sull'aumento dell' espressione dei geni pro-apoptotici.

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29157470
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il mar gen 09, 2018 6:17 pm

Aconitum omeopatico nel sollievo del dolore postoperatorio e dell'agitazione nei bambini

Nonostante l'uso di moderni metodi analgesici e un migliore utilizzo dei narcotici, la combinazione di dolore-agitazione a volte persiste nella sala di rianimazione. Aconitum sembra essere un trattamento omeopatico appropriato in questo caso. Per prescriverlo, devono essere presenti le seguenti condizioni: violenza e repentinità dello stress che provocano intensa angoscia.

Lo studio ha incluso 50 bambini con tali sintomi; è stato effettuato in doppio cieco, i bambini hanno ricevuto placebo o Aconitum. Aconitum si è rivelato efficace per l'agitazione postoperatoria dei bambini con un buon 95% di risultati. In questi studi è di solito indicato che l'effetto placebo è elevato e può raggiungere tassi superiori al 30%. Aconitum è una cura straordinaria se ben prescritta, sia per la rapidità della sua azione che per la sua efficacia. Questo rimedio ha un posto nella sala di rianimazione e dovrebbe essere nella borsa delle emergenze di ogni medico. La ricerca di base potrebbe chiarire come funziona il rimedio e potrebbe scoprire altre molecole efficaci nello stress.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2170921
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il mar set 04, 2018 4:12 pm

UN CASE REPORT DI APPROCCIO INTEGRATO CON LA MEDICINA OMEOPATICA E L'ELETTROAGOPUNTURA IN ANESTESIA, DURANTE UN INTERVENTO CHIRURGICO DI CANCRO AL SENO.

Questo studio indaga l'effetto di un trattamento combinato di medicina omeopatica ed elettroagopuntura in due pazienti con carcinoma mammario e grave malattia del fegato che non potevano ricevere un'anestesia standard a causa di problemi al fegato. Nello specifico, sono stati utilizzati parametri quantificabili e misurabili per valutare se un approccio integrato - costituito da elettroagopuntura e un farmaco omeopatico diluito al di sopra del limite di Avogadro (cioè superiore a una potenza di 12CH) durante le fasi pre-chirurgica, chirurgica e post-chirurgica - può migliorare il benessere generale di un paziente sottoposto a chirurgia del cancro al seno. Nell'intervento chirurgico di cancro al seno abbiamo adottato un approccio integrato costituito da induzione con ipnotici e miorilassanti, seguito da mantenimento con gas anestesiologico combinato con un trattamento omeopatico (Arnica montana 15CH e Apis mellifica 15CH) prima e dopo l'intervento chirurgico e un trattamento di elettro-agopuntura eseguito nelle fasi pre e post-chirurgica senza farmaci analgesici / antidolorifici.

Entrambi i pazienti, trattati con l'approccio integrato, hanno migliorato le loro condizioni generali senza bisogno di altri farmaci antidolorifici comuni. Inoltre, grazie al loro rapido risveglio, i pazienti non sono stati trasferiti in un'area protetta e il ricovero è stato più breve.

Un approccio multidisciplinare che integra la medicina omeopatica e l'elettroagopuntura può essere una soluzione per i pazienti che necessitano o richiedono un'alternativa diversa e / o più sicura al trattamento standard. Questo approccio può offrire un'alternativa sicura, molto meno costosa, non invasiva e valida per tali casi. Inoltre può essere utile per un'anestesia libera da oppiacei.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30151314
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il mar set 04, 2018 5:17 pm

TRATTAMENTO OMEOPATICO DELL'INSONNIA E DEI SINTOMI CORRELATI ALLA TOSSICITA' DELLA CHEMIOTERAPIA A LIVELLO CEREBRALE, IN ONCOLOGIA

BACKGROUND:
Durante la chemioterapia, la correlazione tra insonnia e affaticamento, ansia, dolore, umore depresso e disturbi cognitivi rende questi disturbi soggettivi un "insieme di sintomi" con meccanismi biologici comuni. La teoria dell'infiammazione cerebrale in seguito alla produzione di citochine pro-infiammatorie (alto livello di interleuchina 1-β [IL1-β], IL6 e fattore di necrosi tumorale-alfa) è attualmente la più generalmente accettata. Comprendere questi meccanismi dovrebbe consentirci di proporre un trattamento omeopatico chemioprotettivo del sistema nervoso.

METODI:
Conservando l'eziologia infiammatoria, abbiamo unito le rubriche "Infiammazione del cervello", "Infiammazione delle meningi", "Infiammazione dei nervi" con l'insieme dei sintomi: insonnia, affaticamento, stato depressivo e disturbi della memoria.

RISULTATI:
Dopo la repertorizzazione, proponiamo il seguente protocollo omeopatico: Belladonna 15ch, Phosphorus 15ch, Cerebral cortex 4ch e Nerves 4ch, due granuli di ciascun medicinale da sciogliere insieme prima di colazione, pranzo e cena, durante ogni giorno di chemioterapia e per i successivi 2 giorni.

CONCLUSIONE:
Questo protocollo selezionato, derivato da una conoscenza fisiopatologica dei sintomi, sembra essere ben adatto alla prevenzione e al trattamento dell'infiammazione cerebrale post-chemioterapica. È essenziale iniziare il trattamento omeopatico prima della seduta di chemioterapia per anticipare l'emergere degli effetti collaterali "chemio-cerebrali". Questo protocollo di prevenzione proposto deve essere confermato e quantificato da studi randomizzati.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30021236
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il mar set 04, 2018 5:41 pm

L'OMEOPATIA NELL'ERA DELLA RESISTENZA MICROBICA: è UN TRATTAMENTO PRATICABILE PER LE INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO SUPERIORE?

Department of Life Sciences, University of Westminster, London, United Kingdom

Le infezioni acute del tratto respiratorio superiore (URTI) e le loro complicanze sono la causa più frequente di prescrizione di antibiotici nelle cure primarie. Con la proliferazione di organismi multi-resistenti, sono urgentemente necessari trattamenti alternativi appropriati per queste condizioni. L'omeopatia ci offre una soluzione; tuttavia, ci sono molti metodi di prescrizione omeopatica. Questa revisione della letteratura considera in primo luogo se l'omeopatia offre una valida soluzione terapeutica alternativa per gli URTI acuti e per le loro complicanze, e in secondo luogo come tale intervento omeopatico potrebbe aver luogo.

METODO:
Revisione critica degli studi clinici post 1994 riguardanti il ​​trattamento omeopatico degli URTI acuti e delle loro complicanze. Sono stati considerati la progettazione dello studio, l'intervento terapeutico, il gruppo di coorte, le misurazioni e l'esito. La discussione si è incentrata sull'entità in cui l'omeopatia viene utilizzata per il trattamento degli URTI, il tasso di miglioramento e di tollerabilità del trattamento, le complicanze degli URTI, gli effetti di profilassi a lungo termine e l'uso di una combinazione di rimedi omeopatici a confronto con l'uso di rimedi omeopatici singoli.

RISULTATI:
Sono stati trovati molti studi peer-reviewed in cui l'omeopatia era stata utilizzata per il trattamento degli URTI e dei sintomi associati (tosse, faringite, tonsillite, otite media, sinusite acuta, ecc.). Sono stati analizzati nove studi randomizzati controllati (RCT) e 8 studi osservazionali / di coorte, 7 dei quali erano studi pediatrici. Sette RCT hanno utilizzato rimedi combinati con più costituenti. I risultati del trattamento omeopatico sono stati complessivamente positivi, con una risoluzione più rapida, un uso ridotto di antibiotici e possibili benefici profilattici a lungo termine.

CONCLUSIONI:
Le variazioni in termini di dimensioni, ubicazione, coorte e misure di esito rendono problematici i confronti e le generalizzazioni relative alle sperimentazioni cliniche omeopatiche per gli URTI. Tuttavia, i risultati dello studio suggeriscono almeno l'equivalenza tra l'omeopatia e il trattamento convenzionale per i casi di URTI non complicata, con meno eventi avversi e risultati terapeutici potenzialmente più ampi. L'uso di composti omeopatici non individualizzati sulla popolazione pediatrica merita ulteriori indagini, anche attraverso studi di coorte. Alla luce della resistenza antimicrobica, l'omeopatia offre strategie alternative per infezioni minori e la possibile prevenzione di ricorrenti URTI.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29767829
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il mar set 04, 2018 6:01 pm

L'OMEOPATIA POTREBBE DIVENTARE UNA TERAPIA ALTERNATIVA DELLA FEBBRE DENGUE? UN ESEMPIO DI 10 CASI STUDIO

La febbre dengue costituisce una delle epidemie più dilaganti in India di recente e qualsiasi terapia che possa aiutare a limitare la malattia e il ricovero ospedaliero merita di essere presa in considerazione. In India i medici della medicina complementare e alternativa sono medici formati e quindi hanno un ruolo da svolgere nella fornitura di salute pubblica.

Presentiamo una serie di casi retrospettivi di 10 pazienti indiani a cui è stata diagnosticata la febbre dengue e trattati esclusivamente con rimedi omeopatici a Bangalore, in India. Questa serie di casi dimostra con prove di laboratorio che anche quando le piastrine diminuivano considerevolmente, c'era un buon risultato senza ricorrere ad altri mezzi.

Conclusioni: la necessità di ulteriori studi più ampi viene suggerita da questi risultati per definire con precisione il ruolo dell'omeopatia nel trattamento della febbre dengue. Questo studio sottolinea anche l'importanza del trattamento individualizzato durante un'epidemia per avere risultati favorevoli con l'omeopatia.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29696069
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il mar set 04, 2018 6:14 pm

Integrazione dell'omeopatia e della medicina complementare nel sistema sanitario pubblico toscano e l'esperienza della clinica omeopatica dell'ospedale di Lucca.

INTRODUZIONE:
L'assistenza sanitaria della Regione Toscana (Italia) ha avviato il processo di integrazione di alcuni tipi di medicina complementare (CM), tra cui l'omeopatia, iniziata nel 1996. La Clinica Omeopatica di Lucca è stata aperta nel 1998, seguita dalla Clinica Omeopatica per le donne nel 2003 e la clinica per CM e Dieta in Oncologia nel 2013.

METODI:
Studi longitudinali osservazionali condotti su 5.877 pazienti (3.937 nella clinica generale, 1.606 nella clinica femminile e 334 in oncologia) sono stati esaminati consecutivamente dal 2003 al 2016. Il risultato in relazione all'impatto sulla vita quotidiana (ORIDL) è stato generalmente utilizzato per valutare i risultati.

RISULTATI:
Confrontando le condizioni cliniche prima e dopo il trattamento omeopatico, il miglioramento è stato osservato nell'88,8% dei pazienti di medicina generale con follow-up (45,1%); in particolare, il 68,1% dei pazienti ha avuto un miglioramento o una risoluzione maggiore (ORIDL +2, +3, +4) delle loro condizioni. Nelle donne, un miglioramento è stato ottenuto nel 74,1% dei casi e un miglioramento significativo nel 61,2%. Nei pazienti oncologici con trattamento omeopatico e integrativo, è stato osservato un miglioramento significativo per tutti i sintomi durante la terapia antitumorale, in particolare per vampate di calore, nausea, depressione, astenia e ansia.

CONCLUSIONI:
Questi risultati suggeriscono che l'omeopatia può essere efficacemente integrata con la medicina allopatica e che l'esperienza toscana potrebbe fornire un utile riferimento per lo sviluppo di normative nazionali ed europee sull'uso della CM e dell'omeopatia nell'assistenza sanitaria pubblica.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29549880
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il gio ott 11, 2018 3:12 pm

Arnica montana nella riduzione del sanguinamento in chirurgia endoscopica sinusale

La chirurgia sinusale endoscopica (ESS) è una delle più comuni procedure chirurgiche a livello del tratto otorinolaringoiatrico, che consente di ripristinare le condizioni fisiologiche del naso e dei seni paranasali. Durante l’ESS il sanguinamento della mucosa nasale può interferire con la chirurgia stessa, prolungando le fasi operatorie e incrementando la comparsa di possibili complicazioni chirurgiche.

Uno studio clinico controllato randomizzato in singolo cieco, effettuato presso il Dipartimento di Otorinolaringoiatria e Chirurgia testa e collo di Makati (Filippine), ha valutato il ruolo del medicinale omeopatico Arnica montana 30 CH sulla perdita di sangue, sul sanguinamento durante la chirurgia e sul tempo dell’intervento chirurgico (analizzato tramite la scala graduata di Boezaart) in pazienti sottoposti a chirurgia endoscopica sinusale che presentavano rino-sinusite cronica con polipi nasali.

I ricercatori hanno incluso nello studio 41 pazienti – 19 maschi e 22 femmine di età compresa tra 16 e 73 anni (età media: 42 anni) – che si sottoponevano alla chirurgia senza complicazioni come sanguinamento e ipertensione. Al gruppo di pazienti trattato con Arnica montana, il medicinale omeopatico è stato somministrato 12h e 1h prima dell’intervento chirurgico.

Dai risultati, relativamente alla perdita di sangue, è stata evidenziata una differenza statisticamente significativa (p < 0.05): il volume medio stimato (ml) per il gruppo di controllo è stato di 187ml (SD 100.14) versus 72ml (SD 12.59) per il gruppo trattato con Arnica montana.

Per quello che riguarda la durata dell’operazione nei due gruppi è stata evidenziata una differenza non statisticamente significativa (p=0.91), con un tempo medio per il gruppo di controllo di 3h55 (SD 1.25) versus 3h44 (SD 1.57) per il gruppo trattato con il medicinale omeopatico.

Infine, riguardo al grado di sanguinamento registrato durante l’intervento, i chirurghi riportano un leggero sanguinamento nel gruppo trattato con Arnica montana: il 75% ha avuto bisogno di una aspirazione occasionale (Grado 2), mentre il 25% ha richiesto frequenti aspirazioni (Grado 3). Di contro, il 71% dei pazienti nel gruppo di controllo ha manifestato un sanguinamento moderato con più frequenti aspirazioni (Grado 4), mentre il 29% ha evidenziato un leggero sanguinamento che necessitava di frequenti aspirazioni (Grado 3).

I risultati ottenuti hanno permesso agli autori di concludere che, durante un intervento di chirurgia endoscopica sinusale con polipi nasali, la somministrazione del medicinale omeopatico Arnica montana 30 CH è associata a una minore perdita di sangue; Arnica montana potrebbe quindi essere utile nella riduzione del sanguinamento in ambito chirurgico.

Fonte: Salinas MLT, Bato CRE, Arnica Montana and Blood Loss, Surgical Field Bleeding and Operative Time in Endoscopic Sinus Surgery: A Randomized-Controlled Trial. Philipp J Otolaryngol Head Neck Surg (2016)

Fonte:
http://www.popsci.it/canali-medicina/om ... C494019C03
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: RICERCA SCIENTIFICA OMEOPATICA

Messaggiodi Dr.Ascani il sab dic 15, 2018 2:04 pm

Effetti in vitro di farmaci omeopatici su Escherichia coli in coltura.

Le infezioni ricorrenti del tratto urinario (UTI) sono una delle patologie più comuni nelle persone con Disfunzioni del basso tratto urinario secondarie a patologia neurologica (NLUTD). Il trattamento antibiotico ripetuto aumenta il rischio di selezionare batteri multi-resistenti. È stato riportato che il trattamento omeopatico è efficace in questi pazienti. Il meccanismo di azione, tuttavia, non è stato chiarito. Recentemente, è stato mostrato un effetto battericida diretto dei rimedi omeopatici. Tale effetto non è in accordo con i principi generali dell'omeopatia. Per testare questo paradigma, abbiamo valutato gli effetti in vitro dei farmaci omeopatici su Escherichia coli derivati ​​da pazienti con NLUTD.

METODI:
I batteri di E. coli sono stati raccolti da 28 colture urinarie consecutive. Sono stati eseguiti test standard di resistenza agli antibiotici e test di resistenza simultanea a farmaci omeopatici (Apis mellifica, Cantharis, Causticum hahnemanni, Staphysagria, Nux vomica, Berberis vulgaris e Lycopodium clavatum) in potenza elevata (30CH).

RISULTATI:
Nessun effetto inibitorio significativo di uno qualsiasi dei farmaci omeopatici testati su qualsiasi popolazione di E. coli è stato trovato, indipendentemente dalla loro sensibilità al trattamento antibiotico.

CONCLUSIONE:
Sulla base dei nostri risultati, gli effetti del trattamento omeopatico dell' infezione delle vie urinarie (UTI) non sono basati su effetti battericidi diretti o batteriostatici. Questi risultati sono in accordo con l'ipotesi che l'omeopatia si basa sugli effetti sull'ospite: ad esempio, l'attivazione del sistema immunitario, piuttosto che gli effetti sui germi patogeni.

Fonte:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29566404
Dott. Tancredi Ascani
Iscritto all’Ordine dei Medici Chirurghi di Perugia che praticano Medicine Non Convenzionali per la disciplina Medicina Omeopatica
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3785
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

PrecedenteProssimo

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite