La gestione delle aziende sanitarie è senza controllo

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Medicina Omeopatica. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

La gestione delle aziende sanitarie è senza controllo

Messaggiodi Dr.Ascani il gio mar 18, 2010 10:43 am

“Tre macigni impediscono alla riforma di funzionare in modo ottimale: l’assenza di un piano regionale di riferimento, la mancanza di atti aziendali e l’assenza dei collegi sindacali. Le aziende impegnano miliardi di euro senza che vi siano controlli sulla gestione del bilancio. Non bisogna solo preoccuparsi di avere i conti in regola ma anche di garantire un servizio”.

Dure le parole di Leoluca Orlando, presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli errori sanitari riunitasi pochi giorni fa nei locali della Prefettura di Palermo per interrogare l’assessore regionale alla Salute Massimo Russo e i direttori generali delle aziende provinciali.

Tra i temi affrontati nel corso della giornata la situazione delle strutture sanitarie siciliane, il piano di rientro, il malfunzionamento di alcuni servizi sanitari e la prevenzione del rischio di errori medici. Nessuna anomalia è emersa sul piano di rientro ma sono gravi invece i dati relativi al debito che le strutture sanitarie regionali vanterebbero nei confronti di altre aziende.

Fino al 31 agosto 2009 – ha detto Orlando - si registrano 4 miliardi e 24 milioni di euro di debiti. I direttori generali sono stati invitati a dare chiarimenti”. Nel particolare, ammontavano a 141 milioni di euro per Palermo, 39 milioni e 560 a Catania e 160 milioni a Messina. Questi i dati per i tre policlinici. Sono comunque solo una parte dei 4 miliardi.

Circa 2 miliardi e mezzo invece sono i debiti delle vecchie Asl, 1 miliardo per gli ospedali. “Nei bilanci di queste aziende, tra le entrate – afferma il presidente della commissione - troviamo inoltre crediti vantati nei confronti di altre aziende che invece non li riconoscono”. Per il Policlinico di Palermo ad esempio esistono dati di crediti nei confronti della Regione, dell’università e dell’Arnas che queste strutture non ritengono di dovere. “Questo è dovuto anche a due dei macigni di cui parlavamo – ha continuato il presidente - l’assenza di collegi sindacali e di atti aziendali”.

Una nota negativa anche in riferimento alla scelta, da parte dell’assessore, dei dirigenti. “Di fronte alla richiesta fatta all’assessore su come sono stati scelti i direttori generali, è stato risposto che son stati selezionati perché persone di sua fiducia. La legge lo consente ma non sempre questo criterio corrisponde ai requisiti tecnici e professionali che noi richiediamo”.

Fonte:
http://www.saluteme.it/notizie/manageme ... rollo.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3784
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Torna a Articoli Omeopatia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron