Sai che cosa sono i SUPERFOOD?

Qui è possibile postare e commentare articoli sulla Dietologia. Si raccomanda di citare sempre la fonte dell'articolo.

Sai che cosa sono i SUPERFOOD?

Messaggiodi Dr.Ascani il lun nov 18, 2013 6:23 pm

Mirtillo, bacche di acai e di goji, the verde, caffè verde, peperoncino, ginko biloba: i superfood sono alimenti talmente ricchi di proprietà salutistiche da essere definiti dei Supercibi

Immagine

Ippocrate diceva: “fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”. Niente di più vero soprattutto quando parliamo di superfood. Ma cosa sono i superfood? Per la maggior parte si tratta di frutta, bacche, spezie, e semi che contengono principi attivi particolarmente interessanti per la salute. La lista di questi alimenti straordinari è in continua evoluzione, in quanto la scienza scopre praticamente ogni giorno nuovi principi antiossidanti e nutrienti dentro alcuni alimenti. Vediamo insieme quali sono solo alcuni superfood.

IL MIRTILLO
Il Mirtillo (Vaccinium myrtillus) appartiene alla famiglia Vaccinium, che comprende quasi 200 specie di frutti di bosco. Di quali proprietà è dotato il mirtillo?
I ricercatori hanno scoperto che le sostanze farmacologicamente attive sono alcuni flavonoidi noti come antocianosidi. Questi principi attivi aiutano a rallentare l'invecchiamento, prevenendo i danni dei radicali liberi grazie alla loro potente azione antiossidante.
Il mirtillo è inoltre famoso per il benessere degli occhi. Durante la seconda guerra mondiale, i piloti della British Royal Air spesso masticavano mirtilli per migliorare la loro visione notturna durante i bombardamenti. Studi successivi hanno mostrato che l'estratto di mirtillo comportava un miglioramento della visione notturna, un più rapido adeguamento al buoi, e un veloce ripristino della acuità visiva dopo l'esposizione alla luce. L'estratto di mirtillo può anche svolgere un significativo ruolo nella prevenzione e nel trattamento di glaucoma attraverso il suo effetto sulle strutture di collagene nell'occhio.
Il mirtillo viene usato anche per trattare le vene varicose. In un studio, a 47 pazienti che soffrivano di vene varicose sono stati somministrati 480 mg/die di estratto di mirtillo. Si sono notati miglioramenti significativi per quanto riguarda il gonfiore, la sensazione di pesantezza e di formicolio, il dolore, la distrofia cutanea, e persino il cambiamento del colore della pelle.

LE BACCHE ANTIAGE
Avrai sicuramente sentito parlare delle Superbacche, quei piccoli coloratissimi frutti altamente nutrienti, e ricchissimi di potenti antiossidanti. Ma cosa sono gli antiossidanti? Sono sostanze in grado di ridimensionare l'azione dannosa dei radicali liberi, quelle molecole altamente instabili che danneggiano le nostre cellule portando all`invecchiamento precoce e alle malattie degenerative.
Pochi sanno che per misurare l'azione protettiva degli antiossidanti si usa una scala chiamata ORAC - Oxygen Radicals Absorbance Capacity (Capacità di Assorbimento dei Radicali dell’Ossigeno). Ebbene, le bacche sotto indicate sono in cima alla classifica dell'ORAC!
Bacche di Acai: originarie dell'America centrale e meridionale, queste piccole bacche simili al mirtillo sono ricche di polifenoli e possiedono proprietà antiossidanti, oltre a contenere fibre, grassi polinsaturi (omega 3,6,9) e sali minerali (potassio, ferro e calcio).
Bacche di Goji: queste bacche rossastre coltivate in Asia, contengono minerali essenziali, diciannove amminoacidi, sei vitamine essenziali, 21 o più tracce di minerali, fibre e un'ampia gamma di sostanze nutritive, tra cui carotenoidi quali la zeaxantina, luteina, licopene, utili ad una buona vista.
Maqui: si tratta di una bacca bluastra che cresce spontaneamente nell'America del sud, in particolare in Cile e in Patagonia, ricco di antocianine e in particolare di delfinidine. Inoltre, il maqui sembra avere una potente azione antiinfiammatoria.

IL THE VERDE
Il the verde esercita la maggior parte dei suoi benefici attraverso i polifenoli, soprattutto catechine e in particolare l'EpiGalloCatechinaGallato (EGCG).
Gli effetti benefici comprendono praticamente ogni organo del corpo.
In un test condotto su 60 persone obese, l'ingestione di capsule di estratto di the verde (circa 100 mg totali di EGCG) ha causato una significativa riduzione del peso corporeo (3.9%) confronto al gruppo placebo. In un'altra ricerca, l'EGCG insieme alla caffeina ha innalzato il tasso metabolico per ben 24 ore dopo la somministrazione!
L'assunzione del the verde è associata con una buona circolazione: gli studi indicano che chi assumeva la bevanda presentava un diametro arterioso maggiore del 40% rispetto al gruppo di controllo.
Uno studio condotto su 60 donne di età compresa tra 40-65 ha dimostrato che chi assumeva il the verde migliorava la microcircolazione della pelle e mostrava una maggiore fotoprotezione.
Altre ricerche hanno dimostrato la capacità del the verde di ridurre il colesterolo e di esplicare numerosi effetti cardioprottettivi e neuroprotettivi.
Questi effetti benefici si possono avere sia bevendo il the verde come bevanda, così come forma supplementare attraverso gli estratti.

IL PEPERONCINO
Alimento molto presente nella cucina italiana, il peperoncino contiene, tra gli altri, una sostanza pungente chiamata capsaicina. Quali sono le sue proprietà?
La capsaicina è nota per le proprietà dimagranti, poiché agisce sia sullo stimolo dell'appetito (riducendolo) sia sull'aumento del metabolismo grazie ai suoi effetti beta-adrenergico-simili e persino cambiando il metabolismo energetico verso l'utilizzo dei grassi piuttosto che dei carboidrati.
Sono state dimostrate le capacità della capsicina di ridurre la pressione attraverso la vasodilatazione. Ricordiamo che la vasodilatazione può aiutare anche in caso di disfunzione erettile.
La capsaicina è nota anche per la sua capacita di interagire con i dolori neuropatici in maniera analgesica (attraverso il potenziamento del recettore TRPV1).
Infine, la capsaicina si è dimostrata in grado di proteggere dai tumori polmonari (che sono promossi da idrocarburi aromatici policiclici, come naftalene e NNK, presente nel fumo di sigaretta) Questo potrebbe essere dovuto alla riduzione dell`attività del citocromo P450.
È proprio il caso di dire che il peperoncino è un Superalimento!

IL CAFFÈ VERDE
Si tratta sempre del caffè che tutti conosciamo, ma la sua colorazione deriva dal fatto che i semi non vengono torrefatti, ma semplicemente essiccati.
Di quali proprietà è dotato il caffè verde? Dal caffè verde si ricava un estratto ricco di una sostanza chiamata acido clorigenico (CGE).
Diverse ricerche hanno dimostrato le proprietà dimagranti del GCE.
Inoltre, sembra che il caffè verde possa ridurre la pressione sanguigna e regolare la frequenza cardiaca.
Ci sono ricerche che dimostrano che il the verde è di aiuto anche per il sistema cardiovascolare: infatti i principi attivi del caffè verde migliorano la vasoreattività e sembra persino possano ridurre i livelli di omocisteina.

IL GINKGO BILOBA
Il Ginko Biloba è un albero di origine asiatica (Cina e Giappone) appartenente alla famiglia delle Ginkgoacee. Vuoi sapere le sue proprietà?
Diversi studi hanno dimostrato che l'estratto di questa pianta contribuisce a migliorare la visione nelle persone affette dalla forma secca di degenerazione maculare e che può migliorare la circolazione nell'arteria oftalmica.
Le ricerche sulle capacità cognitive sono innumerevoli, e riguardano soprattutto la demenza di tipo vascolare. Le ricerche indicano che l'estratto di Ginkgo Biloba migliora in modo significativo le problematiche cognitive e può essere di aiuto persino nell'Alzheimer.
Inoltre, questa pianta viene indicata anche per migliorare le problematiche legate alle disfunzioni sessuali: uno studio preliminare effettuato su 63 pazienti afferma che 120 mg di Ginkgo biloba sono stati efficaci in tutte e 4 le fasi del rapporto sessuale: desiderio, eccitamento (erezione), orgasmo e risoluzione.


Bibliografia
Treatment of senile macular degeneration with Ginkgo biloba extract. A preliminary double-blind drug vs. placebo study
Journal of Ocular Pharmacology and Therapeutics. June 1999, 15(3): 233-240. Ginkgo biloba Extract Increases Ocular Blood Flow Velocity.
Therapeutics - Review: Ginkgo biloba extract improves cognitive function in mild to moderate Alzheimer's disease.
Journal of Marital and Sex Therapy. 1998 Apr-Jun 24 (2): 139-143. Alan J. Cohen M.D.- University of California at San Francisco, San Francisco, California, Barbara Bartlik New York Hospital-Cornell Medical Center, New York, New York, USA.
Wong GY, Gavva NR. Therapeutic potential of vanilloid receptor TRPV1 agonists and antagonists as analgesics: Recent advances and setbacks. Brain Res Rev. (2009).
Murray, Michael T., “Bilberry (Vaccinium myrtillus)”, American Journal of Natural Medicine 4(1):18–22, Jan./Feb. 1997.
Zhang LL, et al. Activation of transient receptor potential vanilloid type-1 channel prevents adipogenesis and obesity. Circ Res. (2007).
Yoshioka M, et al. Effects of red pepper on appetite and energy intake. Br J Nutr. (1999).
Yoshioka M, et al. Combined effects of red pepper and caffeine consumption on 24 h energy balance in subjects given free access to foods. Br J Nutr. (2001).
Westerterp-Plantenga MS, Smeets A, Lejeune MP. Sensory and gastrointestinal satiety effects of capsaicin on food intake. Int J Obes (Lond). (2005).
British Journal of Nutrition (2003), 90, 651–659- Effect of capsaicin on substrate oxidation and weight maintenance after modest body-weight loss in human subjects).
Kawada T, et al. Some pungent principles of spices cause the adrenal medulla to secrete catecholamine in anesthetized rats. Proc Soc Exp Biol Med. (1988).
Watanabe T, et al. Capsaicin, a pungent principle of hot red pepper, evokes catecholamine secretion from the adrenal medulla of anesthetized rats. Biochem Biophys Res Commun. (1987).
Kawada T, et al. Capsaicin-induced beta-adrenergic action on energy metabolism in rats: influence of capsaicin on oxygen consumption, the respiratory quotient, and substrate utilization. Proc Soc Exp Biol Med. (1986).
Yoshioka M, et al. Effects of red-pepper diet on the energy metabolism in men. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo), (1995).
Henry CJ, Emery B. Effect of spiced food on metabolic rate. Hum Nutr Clin Nutr. (1986).
Diepvens K, Westerterp KR, Westerterp-Plantenga MS. Obesity and thermogenesis related to the consumption of caffeine, ephedrine, capsaicin, and green tea. Am J Physiol Regul Integr Comp Physiol. (2007).
Yoshioka M, et al. Effects of red-pepper diet on the energy metabolism in men. J Nutr Sci Vitaminol (Tokyo), (1995).
Yoshioka M, et al. Effects of red pepper added to high-fat and high-carbohydrate meals on energy metabolism and substrate utilization in Japanese women. Br J Nutr. (1998).
Osaka T, et al. Thermogenesis mediated by a capsaicin-sensitive area in the ventrolateral medulla. Neuroreport. (2000).
Cell Metabolism, Volume 12, Issue 2, 130-141, 4 August 2010 - Activation of TRPV1 by Dietary Capsaicin Improves Endothelium-Dependent Vasorelaxation and Prevents Hypertension.
Hecht SS, Hoffmann D. Tobacco-specific nitrosamines, an important group of carcinogens in tobacco and tobacco smoke. Carcinogenesis. (1988).
Jang JJ, Kim SH, Yun TK. Inhibitory effect of capsaicin on mouse lung tumor development. In Vivo. (1989).
Miller CH, et al. Effects of capsaicin on liver microsomal metabolism of the tobacco-specific nitrosamine NNK. Cancer Lett. (1993).
Zhang Z, et al. Inhibition of liver microsomal cytochrome P450 activity and metabolism of the tobacco-specific nitrosamine NNK by capsaicin and ellagic acid. Anticancer Res. (1993).
E. Thom, “The effect of chlorogenic acid enriched coffee on glucose absorption in healthy volunteers and its effect on body mass when used long-term in overweight and obese people,” Journal of International Medical Research, vol. 35, no. 6, pp. 900–908, 2007.
Clin Exp Hypertens. 2006 Jul;28(5):439-49. The blood pressure-lowering effect and safety of chlorogenic acid from green coffee bean extract in essential hypertension.
Hypertens Res. 2004 Oct;27(10):731-7. Green coffee bean extract improves human vasoreactivity.
Auvichayapat P, Prapochanung M, Tunkamnerdthai O, Sripanidkulchai BO, Auvichayapat N, Thinkhamrop B, Kunhasura S, Wongpratoom S, Sinawat S, et al. Effectiveness of green tea on weight reduction in obese Thais: a randomized, controlled trial. Physiol Behav. 2008; 93:486–91.
PLoS One. 2011 Mar 4;6(3):e16974. Tea consumption enhances endothelial-dependent vasodilation; a meta-analysis.
J Nutr. 2011 Jun;141(6):1202-8. Green tea polyphenols provide photoprotection, increase microcirculation, and modulate skin properties of women.
Arq Bras Cardiol. 2009 Aug;93(2):128-34. Prospective double-blind crossover study of Camellia sinensis (green tea) in dyslipidemias.

Fonte:
http://www.scienzaeconoscenza.it/artico ... erfood.php
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3784
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: Sai che cosa sono i SUPERFOOD?

Messaggiodi Dr.Ascani il lun nov 18, 2013 6:25 pm

SUPERFOOD: scopri le proprietà benefiche di tanti altri alimenti
Cioccolato, ananas, cannella, pomodoro, aglio: cosa possono fare per la nostra salute?


Immagine

IL CIOCCOLATO
Il cioccolato presso i veniva chiamato kakaw uhanal, ovvero "cibo degli Dei". Contiene infatti una svariata gamma di elementi nutritivi: acidi grassi, minerali come il magnesio (associato al rilassamento del sistema nervoso), rame, potassio, calcio e polifenoli. I polifenoli comprendono una grande varietà di composti, ma il cacao è particolarmente ricco di flavonoidi, tra cui epicatechine, catechine e procianidine dalle funzioni antiossidanti, immunoprotettive e cardioprotettive. In particolare, la teobromina, un alcaloide naturalmente presente nel cacao è associata alla vasodilatazione e al miglioramento delle funzioni vascolari soprattutto a livello coronarico. Inoltre il cioccolato agisce come uno stimolante e come diuretico, vista la presenza della caffeina.

L'ANANAS
Questo frutto esotico contiene un enzima proteolitico chiamato bromelina, divenuto famoso soprattutto per le sue naturali proprietà antinfiammatorie ed analgesiche. Viene comunemente usato per ridurre i gonfiori causati da contusioni, nonché come rimedio di alcuni disturbi legati alle infiammazioni, come l'asma, l'osteoartrite, la sinusite e le ulcere. Infine, sembra utile anche per gli sportivi che vogliono recuperare più velocemente dai dolori muscolari.

LA CANNELLA
Squisita spezia usata nella cucina, soprattutto per la realizzazione dei dolci, la cannella contiene diversi agenti bioattivi. I cinnamaldeidi danno cannella il tipico aroma, la cumarina contribuisce al sapore intenso, e diversi composti compresi i polimeri metil-idrossi-calconi (MHCP) che contribuiscono a potenziare gli effetti dell'insulina. Al di là dei tre composti elencati, la cannella anche contiene tannini, flavonoidi, glicosidi, terpenoidi e antrachinoni. Usata da secoli come rimedio per disturbi digestivi, più recentemente sono state scoperte le sue proprietà nel regolare la glicemia e nel migliorare la resistenza all'insulina. Per gli sportivi, la cannella sembra associata ad un migliore ripristino del glicogeno muscolare e ad un miglioramento della sintesi proteica, probabilmente a causa delle proprietà insulino-simili.

IL COCCO
Chi non conosce questo frutto esotico? Oltre ad essere buonissimo, il cocco è una ricca fonte di trigliceridi a catena media, noti anche come MCT, una classe particolare di acidi grassi che si comportano più come un carboidrato che come un grasso e sembrano essere associati ad un innalzamento del tasso metabolico. Per questo motivo vengono usati dagli sportivi a scopo dimagrante ed energetico. Sembra che i grassi contenuti nel cocco siano utili anche a potenziare le difese immunitarie. L'acqua e il latte di cocco sono ottimi reidratanti e aiutano a limitare il calo delle prestazioni sportive associato alla disidratazione.

IL POMODORO
Alimento rappresentativo della dieta mediterranea, il pomodoro è ricco di licopene, un potente antiossidante appartenete alla famiglia dei carotenoidi. In generale i carotenoidi sono efficaci antiossidanti, grazie alla loro efficacia come scavenger (letteralmente spazzini) di radicali liberi. Tra i carotenoidi il licopene sembra essere il più efficiente oxygen quencher, grazie alla presenza di due ulteriori doppi legami rispetto alla struttura degli altri carotenoidi. Già nel 1980 gli studi hanno dimostrato che le persone che mangiavano grandi quantità di pomodori avevano molto meno probabilità di morire di cancro. In particolare, gli scienziati hanno scoperto che un integratore di olioresina contenente 30 mg di licopene diminuisce il rischio di contrarre il cancro alla prostata.
Ma i benefici del licopene si estendono anche al benessere della pelle, viste la sua capacità di aumentare il fattore di protezione solare (SPF).
Sembra inoltre che nei pazienti affetti da degenerazione maculare abbiano i livelli di questo antiossidante particolarmente basso. Si ritiene quindi che il licopene possa ridurre il rischio di contrarre questa malattia.
Abbiano anche evidenze secondo cui i pomodori possano anche svolgere un ruolo nel ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. La funzione antiossidante del licopene, combinata con gli altri potenti antiossidanti contenuti nei pomodori (vitamina C e beta-carotene in primis), aiutano a neutralizzare i radicali liberi potenziali cause di infiammazione e di progressione dell'aterosclerosi.
In uno studio, gli scienziati hanno scoperto che gli uomini che hanno subito attacchi di cuore presentano livelli di licopene più bassi. In un altro ampio studio che ha confrontato i livelli di carotenoidi tra i pazienti di dieci paesi diversi, licopene è risultato essere il più protettivo contro gli attacchi di cuore.

L'AGLIO
L'aglio è una vera e propria medicina naturale. Soprattutto quando servito crudo e tritato, l'aglio esplica numerosi effetti antibiotici e antivirali. In combinazione con altre fonti naturali di vitamina C ed E aiuta a rafforzare il sistema immunitario.
Una delle proprietà più potenti dell'aglio riguarda la protezione dei vasi sanguigni: molti studi affermano che l'aglio può aiutare a ad far regredire alcuni sintomi correlati alle cardiopatie. Mangiare regolarmente aglio abbassa infatti la pressione e contribuisce a rimuovere i depositi di calcio nelle arterie. I depositi di calcio sono correlati in diversi studi con l'insorgenza di attacchi di cuore e ictus. Inoltre , l'aglio si è dimostrato in grado di abbassare i livelli di omocisteina nel sangue, un marker delle infiammazioni e delle cardiopatie.


Bibliografia
2011 Nov 15;15(10):2779-811. Cocoa and chocolate in human health and disease.
Fisher, N. et al. (2003) Flavonal-rich cocoa induces nitric acid-dependent vasodilatation in healthy humans. J. Hypertension. 21:2281-2286.
Bhui K, et al. Bromelain inhibits COX-2 expression by blocking the activation of MAPK regulated NF-kappa B against skin tumor-initiation triggering mitochondrial death pathway.Cancer Lett. (2009)
Miller PC, et al. The effects of protease supplementation on skeletal muscle function and DOMS following downhill running. J Sports Sci. (2004)
Ley CM, et al. A review of the use of bromelain in cardiovascular diseases. Zhong Xi Yi Jie He Xue Bao. (2011)
A Double-Blind Clinical Evaluation Of Bromelains In The Treatment Of Acute Sinusitis
Kirkham S, et al. The potential of cinnamon to reduce blood glucose levels in patients with type 2 diabetes and insulin resistance. Diabetes Obes Metab. (2009)
Khan A, et al. Cinnamon improves glucose and lipids of people with type 2 diabetes. Diabetes Care. (2003)
Han JR, et al. Effects of dietary medium-chain triglyceride on weight loss and insulin sensitivity in a group of moderately overweight free-living type 2 diabetic Chinese subjects.Metabolism. (2007)
Papamandjaris AA, et al. Endogenous fat oxidation during medium chain versus long chain triglyceride feeding in healthy women. Int J Obes Relat Metab Disord. (2000)
Binnert C, et al. Influence of human obesity on the metabolic fate of dietary long- and medium-chain triacylglycerols. Am J Clin Nutr. (1998)
Geliebter A, et al. Overfeeding with medium-chain triglyceride diet results in diminished deposition of fat. Am J Clin Nutr. (1983)
Does medium chain triglyceride play an ergogenic role in endurance exercise performance?
Hawley JA, Brouns F, Jeukendrup A. Strategies to enhance fat utilisation during exercise. Sports Med. (1998)
Horowitz JF, et al. Preexercise medium-chain triglyceride ingestion does not alter muscle glycogen use during exercise. J Appl Physiol. (2000)
Misell LM, et al. Chronic medium-chain triacylglycerol consumption and endurance performance in trained runners. J Sports Med Phys Fitness. (2001)
Rele AS, Mohile RB. Effect of mineral oil, sunflower oil, and coconut oil on prevention of hair damage. J Cosmet Sci. (2003)
Mhaskar S, et al. Hair breakage index: an alternative tool for damage assessment of human hair. J Cosmet Sci. (2011)
Keis K, Huemmer CL, Kamath YK. Effect of oil films on moisture vapor absorption on human hair. J Cosmet Sci. (2007)
Ippagunta S, et al. Dietary conjugated linoleic acid induces lipolysis in adipose tissue of coconut oil-fed mice but not soy oil-fed mice. Lipids. (2011)
Exp Biol Med (Maywood). 2002 Nov;227(10):881-5. Effects of lycopene supplementation in patients with localized prostate cancer.
Fuhrman, B., et al. Lycopene synergistically inhibits LDL oxidation in combination with vitamin E, glabridin, rosmarinic acid, carnosic acid, or garlic. Antioxid Redox Signal 2000;2:491–506.
Giovannucci, E. Tomatoes, tomato-based products, lycopene, and cancer: review of the epidemiologic literature. J Natl Cancer Inst 1999;91(4):317–31.
Hadley, C.W., et al. The consumption of processed tomato products enhances plasma lycopene concentrations in association with a reduced lipoprotein sensitivity to oxidative damage. J Nutr 2003;133(3):727–32.
Khachik, F., et al. Lutein, lycopene, and their oxidative metabolites in chemoprevention of cancer. J Cell Biochem 1996;22(suppl):236–46.
Ribaya-Mercado, J.D., et al. Skin lycopene is destroyed preferentially over betacarotene during ultraviolet irradiation in humans. J Nutr 1995;125(7):1854–9.
Rissanen, T.H., et al. Low serum lycopene concentration is associated with an
excess incidence of acute coronary events and stroke: the Kuopio Ischaemic Heart Disease Risk Factor Study. Br J Nutr 2001;85(6):749–54.
Indian J Physiol Pharmacol. 2005 Jan;49(1):115-8. Effect of garlic (Allium sativum) oil on exercise tolerance in patients with coronary artery disease.
Circulation. 1997 Oct 21;96(8):2649-55. Protective effect of chronic garlic intake on elastic properties of aorta in the elderly.
Cochrane Database Syst Rev. 2013 Apr 30;4:CD000095. Garlic for peripheral arterial occlusive disease.
Clin Investig. 1993 May;71(5):383-6.Effects of garlic coated tablets in peripheral arterial occlusive disease.
Mediators Inflamm. 2013;2013:285795. Aged garlic extract improves adiponectin levels in subjects with metabolic syndrome: a double-blind, placebo-controlled, randomized, crossover study.

Fonte:
http://www.scienzaeconoscenza.it/artico ... efiche.php
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3784
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: Sai che cosa sono i SUPERFOOD?

Messaggiodi Dr.Ascani il mar apr 01, 2014 12:37 pm

Superfood, i cibi per la salute

Immagine

Sono chiamati “Superfood” proprio perche’ i loro nutrienti sono in grado di tutelare la salute del nostro corpo.
Per prevenire l’insorgere di disequilibri del corpo fisico comunemente chiamate malattie, bisognerebbe mangiare giornalmente questi cibi, o almeno qualcuno di questi.

Ecco alcuni Cibi ottimi per la nostra salute, da non far mai mancare sulla nostra tavola:


Melograno

Questo frutto è ricco di antiossidanti e poco calorico (a soli circa 100 calorie ciascuno).
Ottimo per il cuore ed il cervello.

Noci

Le Noci hanno un alto contenuto di omega-3, che può ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete, cancro, ipertensione e persino depressione.
Una manciata di noci al giorno - che contiene circa 200 calorie è letteralmente una manciata di salute!

Cioccolato fondente

Una piccola porzione di cioccolato fondente ogni giorno, è salutare per l’equilibrio emozionale, e può addirittura prolungare la vita.
I polifenoli contenuti nel cioccolato fondente possono abbassare la pressione sanguigna e ridurre il rischio di malattie cardiache.

tè verde

Il tè verde, come il tè nero, bianco e rosso è ricco di polifenoli e flavonoidi.
Una tazza di te’ ogni giorno puo’ servire a prevenire il cancro, ictus e malattie cardiache e a rafforzare il sistema immunitario.


Broccoli

I broccoli, hanno un basso contenuto calorico (circa 30 calorie per tazza) e ad alto contenuto di polifenoli .
Per questo motivo i broccoli sono considerati uno dei più potenti supercibi densi di nutrienti.
Ottima prevenzione per il cancro , malattie cardiache e per rafforzare il sistema immunitario.

Verdure a foglia verde scuro

Spinaci, cavoli, bietola da coste, bietole, rucola ed ogni verdure a foglia verde scuro sono ipocaloriche, e ricche di nutrienti.
Ottime per la prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari e per le funzioni cerebrali.


I cereali integrali

Farina di frumento integrale, avena, quinoa, bulgur, riso integrale orzo e grano saraceno, sono ottimi per prevenire le malattie cardiache, cancro e diabete.
La fibra di cereali integrali abbassa colesterolo e stabilizza lo zucchero nel sangue.
Inoltre, i cereali integrali forniscono una buona dose di vitamine e minerali .


Avocado

Questo frutto riduce il rischio di malattia cardiaca, riducendo il colesterolo cattivo (LDL) e aumenta il colesterolo buono (HDL).
E’ abbondante di vitamina E, fibre, acido folico, potassio e magnesio.

http://inmodonaturale.blogspot.co.uk/20 ... -sono.html
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3784
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm

Re: Sai che cosa sono i SUPERFOOD?

Messaggiodi Dr.Ascani il gio apr 03, 2014 7:46 pm

Immagine
Dr.Ascani
Site Admin
 
Messaggi: 3784
Iscritto il: dom nov 02, 2008 11:36 pm


Torna a Articoli Dietologia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron